Itb Italia

Itb: “Il G20 Spiagge ignora la maggioranza dei balneari”

«Il 5 maggio ad Arzachena si terrà una tavola rotonda aperta alle associazioni di categoria dei balneari, dal titolo “Sfide e prospettive” e organizzata dal G20 Spiagge. Un’iniziativa positiva, con uno slogan invitante. Peccato che ITB Italia, unitamente alla maggioranza delle sigle in rappresentanza della categoria dei balneari, non sia stata inviata: risulterebbe invece la partecipazione di una sola associazione. Una mancanza che intendiamo condannare fermamente». Lo denuncia Giuseppe Ricci, presidente di Itb Italia, annunciando l’organizzazione di un presidio di protesta dopodomani davanti all’Auditorium di Arzachena, mentre saranno in corso i lavori del summit.

«Proprio in un momento in cui si affrontano sfide e soprattutto prospettive, si è deciso di fare ancora più buio sul nostro futuro», tuona Ricci. «Si rinuncia alla pluralità di opinioni e di visioni: aspetti fondamentali che servono a costruire concretamente il tanto agognato sviluppo consapevole del turismo balneare. Invece sull’argomento “demanio”, a quanto pare, si preferisce riunire attorno al tavolo le associazioni in rappresentanza della categoria degli immobiliaristi, presenza che lascia presagire tutt’altre intenzioni. Ci affidiamo quindi alla stampa per ribadire, ancora una volta, un concetto imprescindibile: non si può parlare di turismo balneare quando alcuni Comuni prevedono nei PUL la cancellazione di concessioni e il taglio della metà di quelle rimanenti. Non si può parlare di sviluppo del turismo balneare quando, nella programmazione di quei Comuni che, in estate, ricevono 300 mila turisti, non si prevedono i servizi di base come docce, spogliatoi e bagni. Tutto ciò è totalmente contrario al concetto di sviluppo e accoglienza».

Prosegue il presidente di Itb Italia: «I rapporti tra politica e associazioni di categoria devono necessariamente cambiare. Le associazioni dei balneari devono essere tenute in considerazione nei piani di sviluppo di questo comparto turistico, perché sono le sentinelle di questo settore; perché hanno i piedi nella sabbia e conoscono a fondo ciò che realmente serve al territorio. La nostra categoria è stanca di essere invitata ai tavoli per condividere e concordare una linea di azione, salvo poi vedere elaborati piani di sviluppo totalmente contrari a quanto stabilito. Questo modus operandi nuoce non solo ai balneari, ma a un intero territorio che vive di turismo. È impensabile che, per un chiosco di 10 mq sul demanio, si debba richiedere il parere a 12 enti in conferenza di servizi, e due anni e mezzo di tempo per poter chiudere l’iter autorizzativo».

«Il 5 maggio avremmo anche ricordato ai presenti che il mercato della droga in Italia vale 13 miliardi di euro, denaro che, attraverso banche con sede nel centro America, vengono poi in buona parte reinvestiti in ristoranti sul demanio e stabilimenti balneari che, cosa nota, rappresentano le più efficaci lavatrici per la mafia», aggiunge Ricci. «Avremmo anche spiegato che i servizi in spiaggia sono utili alla tutela dell’ambiente, così come le concessioni demaniali servono a garantire il servizio di salvataggio dei bagnanti. Avremmo fatto presente che anche le rocce rientrano nel demanio e che, quando si redigono i PUL, queste devono essere considerate sempre. Infine, per evidenziare la sensibilità delle amministrazioni verso le spiagge e il mare, avremmo ricordato a tutti che ci sono Comuni che, proprio nelle zone balneari di maggior pregio, decidono di posizionare punti di raccolta della spazzatura di tutta la Gallura. Questo è il motivo per il quale serve un cambio di passo, sia nelle azioni che nei rapporti tra politica e associazioni. Altrimenti, e il 5 maggio sarà così, assisteremo all’ennesimo incontro autocelebrativo tra “potenti”, la cui efficacia per il futuro sarà pari a zero».

© Riproduzione Riservata

Itb Italia

Itb Italia è un'associazione nazionale di imprenditori del turismo balneare.
Seguilo sui social: