Attualità

“Comparto balneare è primo produttore di ricchezza turistica in Italia”

Lo sottolinea il network G20 Spiagge commentando i dati di uno studio basato su dati Istat

Un recente studio di Sociometrica, elaborato su dati Istat, ha generato un notevole interesse da parte di tutti gli addetti ai lavori del settore turistico balneare: «La ricchezza dei Comuni turistici sul loro ranking secondo la creazione di valore aggiunto ha dimostrato, se ancora ce ne fosse bisogno, quale e di che entità sia la ricchezza prodotta dal comparto balneare nel nostro paese»: ad affermarlo è una nota del G20 Spiagge, il network tra i Comuni di Alghero, Arzachena, Bellaria Igea Marina, Bibbona, Caorle, Castiglione della Pescaia, Cattolica, Cavallino Treporti, Cervia, Cesenatico, Chioggia, Comacchio, Forio, Grado, Grosseto, Ischia, Jesolo, Lignano Sabbiadoro, Orbetello, Riccione, Rosolina, San Michele al Tagliamento, San Vincenzo, Sorrento, Taormina, Viareggio e Vieste, che da soli attraggono 70 milioni di presenze turistiche, ovvero il 16% delle presenze complessive in Italia.

«La capacità di generare reddito e l’imprenditorialità nei servizi complementari al settore vengono valutate e misurate: chiaramente siamo di fronte a delle simulazioni statistiche, ma la base da cui sono partiti i ricercatori considera alcuni dati incontrovertibili dell’Istat e il numero delle presenze turistiche nelle località», sottolinea la nota. «Nel caso del network delle maggiori città balneari Italiane, il G20 Spiagge, tutte le località che lo compongono sono inserite tra i 100 maggiori Comuni turistici per valore economico aggiunto, cioè produttori di quel reddito e di quel pil che sostiene l’economia nazionale. Lasciando da parte i valori assoluti in euro che la ricerca presenta, balza agli occhi come il settore balneare italiano sia chiaramente il primo produttore di ricchezza derivata dal turismo del paese».

Commenta Roberta Nesto, coordinatrice del G20 Spiagge e sindaca di Cavallino Treporti: «Il dato economico e le graduatorie nazionali svelano una volta di più la capacità di produrre reddito delle nostre località. È un reddito diffuso, una ricchezza che si spalma sulle comunità, a fronte dei molti disagi che le stesse comunità locali sopportano per produrla. Perché è proprio così: non è facile, con le carenze legislative di cui tutti noi enti pubblici soffriamo, dare un servizio di ospitalità all’altezza delle esigenze del turista moderno. È per questo che non ci stanchiamo di chiedere lo status di città balneare che, una volta per tutte, risolverebbe molte delle nostre difficoltà amministrative».

Mettere insieme i diritti degli abitanti con le esigenze degli ospiti è un’impresa che obbliga ogni anno gli amministratori pubblici a delle enormi fatiche, con un risultato, nel produrre ricchezza oggi misurato dalla ricerca, che potrebbe non solo aumentare, ma anche essere distribuito in maniera più diffusa e utile per le comunità stesse. Il settore balneare, come anche altri settori turistici, ha infatti un effetto moltiplicatore sull’economia generale della località: il dato più seguito e verificato considera che ogni euro speso direttamente nel turismo generi ulteriori 60 centesimi in altri settori (20% industria, 35% servizi, 5% agricoltura). Quindi, oltre alla grande capacità di produrre ricchezza in sé, il sistema della vacanza genera ulteriore valore aggiunto: maggiore numero di imprese, maggiore occupazione, maggiore reddito personale. E non trascurabile è sicuramente un settore produttivo che non si esaurirà: lo stile di vita delle persone ha inserito la vacanza tra le proprie necessità ineludibili, e questo, nelle località balneari italiane, lo affermano tutti e da tantissimo tempo. Forse queste comunità, a iniziare dalle loro amministrazioni, vanno dunque sostenute per il bene dell’intero paese con una attenzione maggiore. Disvelare, con i numeri, è sempre molto utile.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: