Ambiente Notizie locali Puglia

‘I balneari non sono colpevoli dell’erosione costiera’

Della Valle, presidente Assobalneari Salento, annuncia una campagna di protesta contro la Regione Puglia

di Mauro Della Valle*

È in lavorazione il depliant divulgativo che Assobalneari Salento-Federbalneari divulgherà in oltre 10.000 copie presso la Borsa Internazionale del Turismo che a giorni aprirà i battenti nella cornice della fiera a Milano.

Tutte le foto delle spiagge pugliesi e salentine divorate dalle mareggiate di questi ultimi anni saranno raccolte in un depliant che denuncerà e comunicherà il vero stato di salute della costa pugliese. Le attuali foto delle spiagge pugliesi saranno confrontate con altre foto delle stesse spiagge di come si presentavano alcuni anni fa.

È stato molto semplice raccogliere le foto dei felici momenti di sana salute del territorio costiero che appena dieci, se non cinque anni fa, portavano la Puglia ed il Salento ai più alti vertici del turismo balneare in tutto il mondo.

Oggi invece assistiamo ad una totale indifferenza politca, sopratutto di quella delegata alla tutela costiera, cioè quella regionale, che più volte punta il dito contro la categoria dei balneari quali responsabili dell’erosione costiera e che oltremodo vengono ancor più puniti dall’approvazione del Piano Regionale delle Coste che addirittura revoca le concessioni demaniali per processi erosivi nel tratto di spiaggia concessa.

Abbiamo fotografato tutti gli scarichi in mare in fase di autorizzazione e quelli autorizzati dalla Regione Puglia che più volte sversano in mare liquami e non acqua depurata.

Adesso BASTA! Porteremo il depliant alla BIT, e chiediamo che le numerose risorse economiche spese da parte della politica alla "passerella milanese" siano risparmiate e messe a disposizione per iniziare un’ attenta e professionale cura del prezioso territorio costiero.

*Presidente Assobalneari Salento

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale di riferimento per il settore turistico balneare.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *