Federbalneari

Federbalneari alla Camera per ragionare sulle opportunità di crescita della blue economy

Ieri il convegno con svariati esponenti della maggioranza

«Basta con la riforma delle concessioni, oggi parliamo di blue economy. Ci affascina come modello economico e oggi, se pensiamo all’alveo balneare, non capiamo in quale livello economico ci andiamo a collocare. Noi immaginiamo di stare all’interno di un’interfiliera e che questo sistema possa essere riformato a partire da una rivisitazione del Codice della navigazione. Dobbiamo capire come incardinare questo modello in una rete di sostenibilità non solo di impresa, bensì di tutta una serie di attività che ci permettano di interfacciarci, dalla spiaggia e dal mare, verso l’entroterra». Così Marco Maurelli, presidente di Federbalneari Italia, ha aperto i lavori del convegno organizzato ieri dall’associazione nell’aula dei gruppi parlamentari della Camera dei deputati, dal titolo “Concessioni demaniali tra blue economy e continuità d’impresa. Il futuro del turismo costiero italiano. Quale riforma possibile?”.

Ai lavori hanno preso parte il viceministro all’ambiente Vannia Gava e diversi esponenti politici della maggioranza, tra cui Maurizio Lupi e Alessandro Colucci (Noi Moderati), Erica Mazzetti (Forza Italia), Gianluca Caramanna e Salvatore Di Mattina (Lega). Pieno supporto da parte di tutti i parlamentari è arrivato in merito alle questioni avanzate da Federbalneari Italia, in particolare sulle opportunità da cogliere nell’ambito della blue economy per lo sviluppo di un rapporto tra filiere e per la creazione di un prodotto del mare che sia integrato al territorio.

L’obiettivo, ha spiegato Maurelli, «è quello di collocarsi dentro un modello economico ben preciso. Il governo sta ben facendo quello che deve essere fatto, ma vogliamo rilanciare. Per questo, oggi auspichiamo una legge-quadro nazionale sulla blue economy e poi delle leggi regionali, che oggi ci sono solo in Lazio e Veneto, per valorizzare e incentivare il turismo sostenibile, accessibile e inclusivo, le infrastrutture, il sostegno alle reti d’impresa interfiliera, la transizione digitale». E ancora, tra gli altri pilastri, «la formazione sulla blue economy e la promozione della “Italian blue route” anche a livello regionale, includendo il turismo balneare e l’introduzione del bilancio di sostenibilità per le imprese», ha concluso Maurelli.

© Riproduzione Riservata

Federbalneari Italia

Federbalneari Italia è un'associazione di categoria che riunisce le imprese del turismo balneare italiano.
Seguilo sui social: