Attualità

FdI: “Governo non lascerà indietro i balneari”

Le promesse del ministro Santanché e del deputato Zucconi in seguito alle violente mareggiate di martedì

Gli esponenti di Fratelli d’Italia si schierano al fianco degli operatori balneari colpiti dalle violente mareggiate di martedì, che hanno provocato gravi danni nelle località costiere di tutta la penisola. «L’ennesimo episodio di maltempo ha devastato i nostri litorali provocando danni agli stabilimenti balneari», ha scritto la ministra del turismo Daniela Santanchè in un post su Facebook. «Oltre a esprimere la mia vicinanza e il mio supporto alle tante famiglie e operatori che vivono di questo settore, ritengo che sarà fondamentale un intervento tempestivo per supportare la ricostruzione di aziende distrutte. Il governo, che ha già dimostrato di essere coerente e coraggioso nelle scelte, si metterà al lavoro fin da subito».

puliscispiaggia

In assenza di prospettive sul rinnovo delle concessioni, che in base alla legge sulla concorrenza approvata dal governo Draghi scadranno il 31 dicembre 2023, per gli operatori balneari colpiti dalle mareggiate sarà impossibile ricostruire. Su questo pone l’accento un altro esponente di Fratelli d’Italia, il deputato Riccardo Zucconi: «Nelle scorse ore gli eventi atmosferici sono tornati a colpire le nostre coste e a danneggiare centinaia di micro e piccole imprese del settore balneare, il cui futuro era già a rischio a causa di scelte fatte nel recente passato dal governo Draghi e contrarie all’interesse nazionale. Esprimo vicinanza ai tanti imprenditori e lavoratori del comparto, che a causa di questa calamità, dovranno fare i conti con ingenti danni».

Zucconi conclude con una promessa: «Il governo Meloni non lascerà indietro queste aziende, ma soprattutto tornerà a garantire loro un futuro degno degli investimenti economici e familiari fatti negli anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Carissima Santanche, carissimo Zucconi, anche i vostri più acerrimi antagonisti, si accorgeranno che siete dalla parte giusta, pertanto, AVANTI TUTTA 👍💪

  2. Nikolaus Suck says:

    Scusate eh… ma a parte che immagino che ci siano le assicurazioni, se il tempo, il clima, l’ambiente e la natura ci e vi dicono in ogni modo e sempre di più che un certo modello di sfruttamento e concessione balneare è superato e impossibile (e antieconomico), che determinate strutture non sono più sostenibili, che le concessioni devono essere ridotte e/o ridimensionate perché in certi posti semplicemente non ci possono più stare e vengono distrutte, che quindi la risorsa naturale non solo è scarsa ma anche fragile, secondo voi il modo di “affrontare la situazione mareggiate” sarebbe quello di dare contributi e proroghe per mantenere strutture che saranno di nuovo distrutte tali e quali la prossima volta? Solo per farvi continuare a guadagnare? Siete sulla luna! Sarebbe come finanziare e incentivare la costruzione di case a ridosso dei crateri dell’Etna. Dove invece guarda caso sono proprio vietate (come del resto su parte del Vesuvio, abusi a parte). Allo stesso modo, se io amministrazione so che ormai in una data zona ci sono mareggiate, e sempre più ricorrenti, e/o forti e distruttive, in quella zona le concessioni non le do più, le levo, e/o le riduco e ridimensiono. Di certo non le incentivo per rimanere uguali. Sarebbe illogico, per non dire altro.

    • informati meglio le assicurazioni non coprono i danni da mareggiate …prima di parlare prova ad informarti meglio …e’ qualche mese che ti seguo e non capisco da dove arriva la tua cattiveria verso gli operarori del settore.
      se vuoi ti regaliamo una canna da pesca x rilassarti un po ….

      • Nikolaus Suck says:

        Se davvero mi segui “da qualche mese”, non capisco io dove hai mai visto della “cattiveria”. Se non nelle risposte che ricevo, quando dico solo le cose come stanno.
        Se le assicurazioni non coprono i danni da mareggiate, ne prendo atto senza difficoltà, del resto è sensato visto che effettivamente non si tratta di rischi ma di certezze.
        La canna anche non da pesca grazie, pare rilassi di più.

    • Grandissimo ragionamento, quindi disincentivo le realtà economiche e tolgo posti di lavoro perché ho un problema che , come tutto il mondo sa, in buona parte dei casi si può risolvere , con una politica tesa alla salvaguardia della costa, con barriere e rispascimento mirato e studiato. Lo stato questo deve fare salvaguardare la costa e l’economia e non lasciare tutto alla malora, perché si , senza attività quelle coste, e lo sai benissimo, sarebbero un comulo di macerie, puoi starne certo non ci vuole uno scienziato, vista la gestione pubblica del demanio italico. Ottimo dovresti entrare in politica … la ricetta è vincente

      • Nikolaus Suck says:

        Questo sì che è un “grandissimo ragionamento”. Spendere e continuare a spendere ingenti risorse pubbliche in luoghi compromessi per permettere a pochi privati – tra l’altro sempre gli stessi perché le gare no per carità – di continuare a guadagnare come prima e come nulla fosse, è decisamente vincente in politica. Infatti non è particolarmente originale.
        Tra l’altro la letteratura scientifica ci ricorda che barriere e frangiflutti spesso fanno più male che bene e che pure la sabbia per i ripascimenti non è infinita, c’è un recente articolo su questo anche qui. Studia pure questo di notte.

    • Suck, si faccia vedere da uno bravo. Sta somatizzando troppo la questione balneari e questo lo si nota dai suoi interventi sempre più distopici !!!
      Buona salute

  3. No Suck, per farti felice, la cosa migliore da fare, è eliminare il turismo balneare (sic!), così gli italiani, mangeranno “capocchie”!

  4. …….. la Meloni ha iniziato male con la nuova finanziaria insignificante e comunista, se continua così durerà poco in quanto il ceto medio l’ha votata per avere discontinuità……..invece lei sta seguendo le orme del suo predecessore Draghi

      • Come sempre non ci hai capito niente….. apri i tuoi limitati orizzonti….. io non ho detto che sono contrario alla Meloni ma deve avere discontinuità e non seguire le tracce dei governi precedenti (Draghi, ecc.) per questo che il ceto medio l’ha votata (ad esempio non tagliare le rivalutazioni alle pensioni che erano ferme da molti anni oppure accontentare solo una categoria di lavoratori con la Fiat fax, ecc.)

    • …….mi dispiace dirtelo ma anche questa volta il tuo commento è fuori binario……. E non attinente…… sai solo offendere

        • …..perché non siete una lobby……? Vi comportate come tali ed è per questo è come gestite i bagni che la maggior parte dei cittadini non vi hanno in simpatia e sono contro di voi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.