Attualità

FdI: “Draghi si spenda in Ue per salvare balneari da Bolkestein”

Fidanza-Zucconi: "Premier difenda nostre aziende e apra tavolo politico"

«Il governo spenda la credibilità europea di Draghi per riaprire il dossier Bolkestein. È tempo di una forte iniziativa politica presso la Commissione Ue per mettere al riparo le imprese del settore turistico, della nautica, della cantieristica dall’errata applicazione della normativa europea che da anni ha lasciato nell’indeterminatezza un pezzo importante della nostra economia marittima». Lo dichiarano in una nota congiunta il capodelegazione di FdI-ECR al parlamento europeo, Carlo Fidanza, e il capogruppo di FdI in X commissione alla Camera, Riccardo Zucconi.

«A ciò si sono aggiunte le improvvide iniziative di alcune procure, le sentenze più disparate di vari tribunali e da ultimo l’intervento dell’Antitrust contro i Comuni che avevano correttamente applicato l’estensione prevista dalla legge 145/2018», sottolineano Fidanza e Zucconi.

«Questa situazione non è più tollerabile: il governo Draghi, nato sotto la stella di un presunto “europeismo”, dimostri che si può stare nell’Ue difendendo le nostre aziende. Si apra il tavolo politico e, subito dopo, quello tecnico-giuridico per far valere le tante ragioni a difesa del settore. Fratelli d’Italia è pronta a fare la propria parte, a Roma come a Bruxelles», conclude la nota.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Sveglia non abbiamo più tempo.Subito bisogna mettere in sicurezza tutte le concessioni demaniali marittime dalle diverse sentenze per poter lavorare serenamente e poi bisogna interlocquire con Bruxelles per una soluzione definitiva.Dai politica buona dai Salvini ,Garavaglia, Centinaio,Gasparri,Gelminie ecc. non c’è più tempo Per noi ……ma anche per Voi.

  2. Draghi, si spenda per mettere al “riparo” l’Italia (non solo le imprese dei balneari) Non facciamoci fregare. Gli italiani, per ovvi motivi, non potranno mai avere alcuna stessa opportunità, in nessun Paese dell’Unione. Gli unici italiani che potranno trarre “vantaggi”, saranno soltanto alcuni dirigenti comunali del demanio, con i loro sindaci “europeisti”, tutt’altro che nazionalisti, allergici alle leggi dello Stato Italiano, per “convenienza”! TUTTO IL RESTO SONO CHIACCHIERE!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.