Eventi Toscana

Erosione costiera, che fare? Convegno di Legambiente a Bibbona

Appuntamento mercoledì alle ore 10

In occasione della giornata mondiale degli oceani, Legambiente Toscana organizza una mattinata per approfondire il tema dell’erosione costiera e le sue ripercussioni sul territorio toscano. L’appuntamento è mercoledì 8 giugno a Bibbona, presso il Teatrino La Palestra, dalle ore 10 alle ore 14.

Interverranno Sebastiano Venneri (rsponsabile mare Legambiente), Alex Giuzio (caporedattore Mondo Balneare), Angelo Ferrara (presidente Legambiente Costa Etrusca), Massimo Celati (comandante del reparto carabinieri biodiversità di Cecina), Roberto Sirtori (Legambiente Pisa), Roberto Montanari (settore difesa della costa, Regione Emilia-Romagna).

In seguito il prof. Enzo Pranzini, docente in “Dinamica e difesa dei litorali” all’Università di Firenze, pronuncerà la lectio “Crisi climatica: quale futuro per la costa toscana?”, di cui discuteranno Marco Masi (responsabile tutela acqua, territorio e costa, Regione Toscana), Carlo Brandini (responsabile divisione oceanografia Lamma) e Giorgio Zampetti (direttore generale Legambiente). L’incontro sarà moderato da Fausto Ferruzza (presidente Legambiente Toscana) e prevede i saluti istituzionali del sindaco di Bibbona Massimo Fedeli.

Al termine del seminario saranno premiati gli studenti dell’ITC Carlo Cattaneo di Cecina per il loro impegno nel concorso “Se si alza il mare”, indetto da Legambiente Costa Etrusca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Legambiente

Legambiente è un'associazione ambientalista italiana, fondata nel 1980.
Seguilo sui social:
  1. Lorenzo Pinto says:

    E che vuoi fare?
    Una mazza.
    Alla fine sarà il MARE che si riprende ciò che è suo.
    Né l’Europa, né i balneari, né i clienti, né tutta la stupida razza umana che pensa di potersi riprodurre, inquinare, riscaldare il pianeta e consumare la terra all’infinito, senza che la natura gli presenti il conto.

  2. Nikolaus Suck says:

    A conferma che la costa, e non solo quella “concedibile”, non solo è fragile e “scarsa”, ma lo diventa sempre di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.