Attualità Notizie locali Sicilia

Concessioni demaniali, proroga al 2020 anche in Sicilia

L'assessore Sgarlata ha finalmente firmato il provvedimento per adeguarsi alla normativa nazionale

La Regione Sicilia ha prorogato al 2020 le concessioni demaniali marittime. L ‘assessore al territorio e all’ambiente Mariarita Sgarlata ha appena firmato il decreto di proroga del termine di scadenza delle concessioni demaniali fino al 31 dicembre 2020, in applicazione e uniformità a quanto stabilito in ambito nazionale.

«Non sono stata insensibile alle istanze, più volte rappresentate in questi mesi dalle associazioni di categoria – dice la Sgarlata – sulla necessità di adeguare la durata delle concessioni demaniali a quanto stabilito dalla vigente legislazione statale in materia. Ferme restando le procedure di verifica, si è deciso di modificare la scadenza delle concessioni, il cui termine ultimo individuato era fissato al 31 dicembre 2015. La vigente disciplina statale in materia, infatti, ha ormai definitivamente disposto la proroga di tutte le concessioni demaniali marittime, in scadenza sino al 31 dicembre 2020, nelle more del procedimento di revisione del quadro normativo in materia di rilascio delle concessioni di beni demaniali marittimi. La durata del rapporto concessorio fino al 2015 appariva insufficiente per due ordini di ragioni: sia per quegli operatori che avessero provato ad accedere a contributi di provenienza comunitaria, che sarebbero stati evidentemente negati con una scadenza della concessione così ravvicinata nel tempo; sia, a maggior ragione, per quegli operatori che hanno già avuto accesso a contributi di provenienza comunitaria e rischierebbero, proprio per questo motivo, di doverli persino restituire. È arrivato il momento che la Regione Sicilia si adegui alla normativa statale».

La giunta aveva già discusso l’ipotesi di un decreto dell’assessore al territorio Sgarlata che proroga le concessioni in virtù di alcune sentenze del Tar a livello nazionale.

Soddisfazione è manifestata da Anthony Barbagallo, parlamentare regionale del Pd: «La decisione della giunta regionale di prorogare le concessioni demaniali fino al 31 dicembre 2020 è giusta e opportuna: al governo va il mio plauso. Da tempo, insieme con le organizzazioni di categoria che rappresentano le strutture ricettive, sostengo questa interpretazione: la direttiva Bolkestein si applica solo ai servizi e non alle attività produttive di natura balneare come quelle presenti sul nostro territorio. La proroga decisa dal governo, nell’ambito della sua azione riformista, consentirà ai concessionari di programmare investimenti e attrezzare sempre meglio le aree demaniali per una più attenta gestione della risorsa-turismo. Passa da atti amministrativi come questo il percorso del governo regionale, che sta sostenendo in modo deciso il turismo legando la fruizione del mare al miglioramento delle strutture balneari, nell’ottica di una gestione naturalistica delle coste».

fonte: La Repubblica

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: