Attualità

Concessioni balneari, la risposta del governo all’Ue e lo scenario dei prossimi mesi

La nostra analisi della lettera inviata da Palazzo Chigi a Bruxelles

Nel video qui sopra, analizziamo la risposta del governo alla Commissione europea per difendersi dalla minaccia di procedura di infrazione sulle concessioni balneari, recapitata da Bruxelles lo scorso 16 novembre. Sono tre i punti salienti della risposta del governo (che abbiamo pubblicato per intero su Mondo Balneare): la difesa del lavoro di mappatura del demanio marittimo svolto la scorsa estate, l’argomentazione a favore della proroga di un anno e la richiesta di più tempo per varare una riforma organica del settore.

Nelle conclusioni della lettera c’è l’aspetto più controverso: il governo Meloni dichiara infatti di voler disciplinare le evidenze pubbliche, contraddicendo in questo modo le promesse fatte durante l’ultima campagna elettorale. Ma dall’altra parte, la volontà di temporeggiare cela il rischio che il tema delle spiagge diventi per l’ennesima volta un tema di propaganda, in vista delle elezioni europee del prossimo giugno.

La questione è urgente e non può più essere rinviata. Il governo deve fare in fretta a decidere su alcuni aspetti: come saranno rinnovati i titoli in scadenza, quanto dureranno e quali saranno i criteri per calcolare l’esperienza professionale e il valore aziendale.

© Riproduzione Riservata

Alex Giuzio

Dal 2008 è giornalista specializzato in economia turistica e questioni ambientali e normative legate al mare e alle spiagge. Ha pubblicato "La linea fragile", un saggio sui problemi ecologici delle coste italiane (Edizioni dell'Asino, 2022), e ha curato il volume "Critica del turismo" (Grifo Edizioni 2023).
Seguilo sui social: