Campania

Campania delibera validità concessioni balneari fino al 3 maggio 2021

Si tratta dell'applicazione esplicita delle norme anti-Covid, per appoggiare i concessionari in attesa che i Comuni applichino l'estensione al 2033 prevista dalla legge italiana

La Regione Campania ha confermato la validità delle concessioni demaniali marittime fino al 3 maggio 2021, anche in quei Comuni che non hanno ancora provveduto ad applicare l’estensione dei titoli al 2033 previsto dalla legge italiana 145/2018.

Con una delibera di giunta, la Regione ha preso atto che ai sensi dell’articolo 103 del decreto legge n.18/2020, varato in relazione all’emergenza del Covid-19 in corso, gli attuali concessionari sono autorizzati a utilizzare il bene demaniale e a esercitarvi la propria attività anche dopo il 31 dicembre 2020, termine di scadenza delle concessioni in assenza del differimento al 2033 (per una spiegazione tecnica più approfondita, rimandiamo all’articolo “Balneari: le norme anti-covid autorizzano utilizzo concessioni anche dopo il 31 dicembre 2020“).

«L’iniziativa della Regione rappresenta un appoggio molto importante – afferma Raffaele Esposito, presidente di Fiba-Confesercenti Campania e portavoce della recente iniziativa congiunta con Sib-Confcommercio, Cna Balneari e Assobalneari-Confindustria – per superare l’impasse dei Comuni che non hanno ancora provveduto a tutelare gli imprenditori balneari applicando la legge 145/2018. Si tratta di una nota di supporto in attesa di applicare l’estensione vera e propria, confidando che nel frattempo arrivino nuove direttive da parte del governo. Per Fiba-Confesercenti Campania resta comunque valida e concreta la legge 145/2018, che va applicata al più presto».

Per approfondire

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.