Attualità

Balneari, Zucconi (FdI): “Governo Draghi non approvi decreto attuativo”

«Come abbiamo più volte evidenziato nel corso del dibattito sul ddl concorrenza, il governo Draghi si era già reso responsabile di una grave forzatura inserendo la messa a gara delle concessioni balneari in un provvedimento collegato al Pnrr, a fronte del fatto che lo stesso Pnrr non menziona minimamente quelle concessioni. Sarebbe ancora più grave se ora un governo in prorogatio decidesse di dare seguito ai decreti attuativi di quella delega, pregiudicando in modo probabilmente irreparabile la possibilità di salvaguardare le imprese esistenti». Lo dichiara il deputato Riccardo Zucconi, capogruppo di Fratelli d’Italia nella commissione attività produttive alla Camera.

Zucconi si riferisce alle recenti indiscrezioni, non confermate, sui presunti intenti del premier Mario Draghi di varare il decreto attuativo in materia di concessioni balneari prima dell’insediamento del nuovo parlamento. Il decreto attuativo è necessario per completare la riforma del demanio marittimo, inserita nel ddl concorrenza approvato lo scorso 2 agosto in via definitiva, che prevede la riassegnazione dei titoli tramite gare pubbliche entro il 2024.

«La nostra richiesta è perentoria: il governo non approvi i decreti attuativi sulle concessioni balneari e consenta al governo che verrà di verificare se e quali possibilità ci sono di preservare la continuità di un settore tanto fondamentale per il nostro turismo», conclude Zucconi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Il professore Draghi è il migliore in assoluto per varare i decreti attuativi. Persona estremamente competente, imparziale, sicuramente responsabile e quindi in grado di rispettare le leggi europee. Purtroppo i balneari, anziché dimenarsi a trovare soluzioni che non ci sono è più opportuno che spendano il poco tempo a loro disposizione per formarsi professionalmente e cercarsi una nuova occupazione. Il tempo a disposizione è poco!…

    • il professor draghi non è stato eletto e di certo se tu conoscessi a fondo il suo passato di banchiere non diresti che è il migliore…il pegiore di tutti dovresti dire …..forse questo ti sfugge persona invidiosa …parla con chi ha un impresa e guarda cosa ha fatto il tuo caro draghi del menga….tasse astronomiche su luce e gas e fra due anni saranno colpite anche le case…..parla invece del decreto approvato una settimana fa riguardo la vendita della nostra acqua alle multinazionali nonostante un referendum popolare…..forse questi piccoli particolari ti sono sfuggiti……noi il lavoro c è l abbiamo pensa al tuo che è meglio…vi è rimasto molto poco perchè alle prossime elezioni sparirete…..

    • Sarebbe il caso che tu te ne cercassi una di attività, visto che hai tanto tempo da perdere per scrivere notizie che ledono chi è stato capace a creare il turismo in Italia. Vai a zappare che è meglio questa è la fine che farai

  2. Credo si debba chiarire: inserito nel ddl concorrenza ma non necessario ai fini dei fondi del pnrr.
    Quindi una promessa personale di Draghi, all Europa, con conseguenze che a nessuno devono interessare. Per poter mantenere questa promessa, con il terrore che venga in maniera piu equilibrata rivista, pur sembrerebbe con paletti ineludibili che gia la legge approvata con stralcio taxisti impone, pretende che il governo che lo ha sfiduciato approvi i decreti attuativi, anche dopo le elezioni e prima dell insediamento del nuovo governo. Non so se mi è sfuggito qualcosa, ma se si sta facendo la volontà del popolo sovrano, bisogna farglielo capire, senno VOTA GIORGIA.

    • Sia fatta la volontà del popolo democratico. Tanto tra qualche mese ci sarà ancora Draghi al governo. Draghi, dopo Draghi!

  3. Avete fatto benissimo ad ammonirli, On Zucconi, se lo facessero, sarebbero delle CANAGLIE, senza se e senza ma, ben sapendo che, ormai non contano più niente.

  4. “Il Comune di Salerno ha revocato con effetto immediato cinque concessioni balneari per accertate violazioni in materia demaniale annonaria. La decisione, ratificata ieri, è scaturita dopo i controlli della polizia municipale che ha riscontrato alcuni illeciti commessi dai vincitori del bando, approvato nel mese di maggio 2022.”
    Largo ai nuovi concessionari, quelli bravi favoriti dalla concorrenza!!!!

  5. Ma siete sicuri che la Meloni dopo aver vinto le elezioni vi accontenti? In Italia la maggior parte dell’opinione pubblica non è favorevole ai balneari e la stessa Meloni deve tenere conto di questo fatto in quanto anche da quella parte di opinione pubblica sarà votata. infatti da quando è iniziata la campagna elettorale non dice nulla sui balneari si sente parlare solamente l’on. Zucconi. Deputato semi sconosciuto.

    • Siamo sicuri che fino ad oggi la Meloni non ha voluto o potuto ancora svenderci malamente come invece hanno fatto sia la sinistra per dar retta alla pancia dei suoi elettori e poi il centrodestra per totale incompetenza a sostenere gli argomenti che oggettivamente ci sono. La mia arma è la crocetta, e la darò a Giorgia, la prossima volta potro evitare anche di andare a votare.
      Sono anche sicuro che ad oggi nessuno non solo non ci ha voluto accontentare, nè era questo che si chiedeva, ma invece ci si è voluti accanire per opportunismo politico (poltrona). Sostenere in Europa e con la “credibilità”di draghi, che è interesse per ovvi motivi salvaguardare delle aziende al di là di chi le conduce , in quanto aziende, sarebbe stato il minimo sindacale.

      • Infatti max alla tua azienda si sostituirà un’altra azienda che potrebbe fare anche meglio..ti rendi conto che c’è gente che non fa nulla e incassa i soldi dell’affittuario che gestisce la concessione…i bandi ripristeranno la regolarità dei pagamenti e dell’urbanistica…forza w i bandi

        • i notai fanno un contratto di affitto di azienda nel rispetto della legge autorizzato dal comune come amministratore del demanio. Se hai dubbi manda subito i carabinieri. Ho gia provato sperando che capissi a spiegarti, ma capisco che non conviene capire. é certo che il nuovo subentrante avra una ragione sociale diversa dalla mia, ma avra i clienti risultato del mio lavoro, poiche la mia azienda non è purtroppo delocalizzabile. Converrai che un conto è entrare in un immobile magari incamerato con la clientela consolidata da 50 anni nel mio caso, e altro è aprire ex novo un azienda. O no?
          Siccome per te è no, io sono costretto a votare Giorgia.

  6. Grazie Zucconi ,i tuoi interventi sono pietre di assoluto spessore politico ma soprattutto giuridico, a tal proposito mi sa dire in ordine al ricorso alla Consulta da lei sostenuto ? 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.