Attualità

Concessioni balneari, ultimi negoziati governo-Ue: cosa è emerso

Un'analisi della situazione in seguito all'incontro dei giorni scorsi a Bruxelles

Non è ancora noto cosa intenda fare il governo Meloni per decidere il futuro delle concessioni balneari. Quel che è certo è che le promesse finora non sono state mantenute, ma pare che finalmente si stai muovendo qualcosa: nei giorni scorsi, infatti, una delegazione italiana si è recata a Bruxelles per discutere i contenuti del riordino del demanio marittimo. Nel video qui sopra spieghiamo ciò che è emerso in seguito all’incontro.

Finora il governo ha deciso di non decidere, ma anche questo ha comportato delle conseguenze: ovvero che la legge 118/2022 del governo Draghi è arrivata a portare le concessioni balneari alla scadenza del 31 dicembre 2024. In assenza di diversi provvedimenti nazionali, i Comuni si sono trovati a dover decidere per conto proprio e in alcuni casi le gare sono già state effettuate. Solo una norma statale, che i balneari chiedono a gran voce, potrebbe fermare questo scenario.

© Riproduzione Riservata

Alex Giuzio

Dal 2008 è giornalista specializzato in economia turistica e questioni ambientali e normative legate al mare e alle spiagge. Ha pubblicato "La linea fragile", un saggio sui problemi ecologici delle coste italiane (Edizioni dell'Asino, 2022), e ha curato il volume "Critica del turismo" (Grifo Edizioni 2023).
Seguilo sui social: