Itb Italia

Balneari, Ricci (Itb): “Sdemanializzare per salvare nostre imprese”

Il presidente dell'associazione di categoria ha avanzato la proposta nel corso di due videoconferenze organizzate da Forza Italia

«Il presidente di Itb Italia Giuseppe Ricci ha partecipato alle recenti videoconferenze organizzate dai senatori Massimo Mallegni e Maurizio Gasparri sull’economia turistica e sul futuro delle imprese balneari, con la presenza di altri esponenti di Forza Italia come Maria Stella Gelmini, Deborah Bergamini, Virginia Tiraboschi, Salvatore De Meo, Ivano della Valle: a tutti loro riconosciamo comprensione e vicinanza per i nostri problemi». Lo rende noto l’associazione Itb Italia. «Nel corso dei suoi interventi – spiega la nota – Ricci ha illustrato ai partecipanti l’importanza di un’azione unitaria che possa smuovere dalla sua inerzia l’Unione europea: il turismo balneare italiano rappresenta per l’Italia il 7 % del Pil, da lavoro a oltre 30.000 imprese balneari e a un indotto valutabile in oltre 50.000 imprese di beni e servizi collegate».

«L’eventuale applicazione della direttiva Bolkestein – ha affermato Ricci – rappresenterebbe un vulnus alla nostra storia, un accanimento in una materia dove l’Italia è la massima esperta di turismo balneare in Europa e nel mondo, e soprattutto un danno incalcolabile alle finanze italiane».

«Per questo – prosegue il presidente di Itb Italia – ho avanzato l’idea di organizzare una manifestazione a Roma, per fare luce sul danno incalcolabile che ne avrebbe la nostra economia. Ho anche ribadito che la soluzione esiste già e va ricercata nella volontà politica dei nostri governanti: basterebbe, a tal fine, che il governo decida di farlo, ovvero procedere con la sdemanializzazione delle nostre spiagge. Questa decisione sarebbe peraltro facilitata dal fatto che, per quanto riguarda noi balneari, non esiste una minima opposizione a procedere con le sdemanializzazioni».

Spiega ancora Ricci: «Sul piano pratico basterebbe che il parlamento adotti una risoluzione che permetta ai concessionari balneari, tramite una semplice comunicazione, di riscattare a prezzi concordati le imprese acquisite nel tempo dallo Stato, secondo quanto definito dai piani di spiaggia locali. Tale risoluzione essenzialmente non cambierebbe nulla dell’attuale stato delle spiagge, ma risolverebbe una volta per tutte l’annoso problema del settore turistico balneare».

Conclude il presidente di Itb: «Questa soluzione corrisponde alla logica del win-win, ovvero una scelta che soddisferebbe tutte le parti in gioco: lo Stato avrebbe un imponente flusso finanziario legato ai riscatti, le imprese balneari avrebbero la certezza dei beni assegnati e quindi potrebbero investire anche a lungo termine, i Comuni costieri beneficerebbero di questi investimenti in materiali, strutture e servizi, alle imprese locali arriverebbero richieste di nuovi beni e servizi da parte dei balneari. Ci sono occasioni di sviluppo che non si possono perdere, e questa delle sdemanializzazioni è estremamente importante per tutti».

© Riproduzione Riservata

Itb Italia

Itb Italia è un'associazione nazionale di imprenditori del turismo balneare.
Seguilo sui social: