Attualità

Balneari, Forza Italia: “Modificheremo ddl concorrenza al prossimo governo”

L'impegno di Gasparri, Mallegni e Squeri: "Pronti ad affrontare un confronto con le autorità europee per evitare l’applicazione della direttiva Bolkestein"

«La vicenda del ddl concorrenza non è nata bene e probabilmente non finirà come il governo uscente l’ha pensata». Lo dichiarano i parlamentari di Forza Italia Maurizio Gasparri, Massimo Mallegni e Luca Squeri (nell’immagine). «Noi di Forza Italia abbiamo sempre responsabilmente lavorato per fare in modo che la legge potesse approdare a Bruxelles nel rispetto delle scadenze del Pnrr di dicembre, in modo da non perdere gli oltre 20 miliardi della tranche di competenza. È evidente che abbiamo modificato molte norme, tra cui la più significativa quella sulle concessioni demaniali. Inoltre abbiamo fatto rilevare al governo, durante l’iter di approvazione al Senato, che la questione per noi era tutt’altro che conclusa, innanzitutto perché il Tar di Lecce è ricorso alla Corte di giustizia europea affinché chiarisse l’applicabilità della direttiva alle concessioni demaniali, e inoltre perché i decreti attuativi avrebbero dovuto segnare un punto importante per la valorizzazione degli investimenti e il riconoscimento della prelazione per i concessionari uscenti».

«Ebbene a poche settimane dalle elezioni politiche, Forza Italia ritiene di poter affermare la necessità di non perdere le risorse del Pnrr, ma allo stesso tempo di impegnarsi a modificare la norma appena si sarà insediato il prossimo governo, che sarà certamente a guida del centrodestra», proseguono i parlamentari azzurri.

«Il nostro obiettivo è tutelare le imprese del turismo italiano, anche affrontando con decisione un confronto con le autorità europee, per evitare l’applicazione della direttiva Bolkestein, che riguarda i “servizi”, a dei “beni” che non dovrebbero essere assoggetti a quelle regole», concludono Gasparri, Mallegni e Squeri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Siete superati

    Con fratellidiballe si ottiene la :
    sdemaniallizzazione
    La modifica dei trattati UE
    Una proroga al 2023

    In ultima istanza :
    proroghina ” tecnica” di qualche anno
    Indennizzi a gogo

  2. Teo Romagnoli says:

    verbo volant scriptum resta.
    Da uomo di sinistra che non vota da 20 anni tornerò a votare e a destra proprio per questa questione. ma si poteva e doveva fare qualcosa prima…adesso dobbiamo corre ai ripari.. fate ridere.

  3. Nikolaus Suck says:

    Scusate eh, ma qui dovreste mettervi a ridere forte pure voi balneari, prima di mandarli a quel paese, o no?
    E Mallegni è pure del settore!

    • beh suck qui spariamo sulla croce Rossa!!!!
      sono la parodia di sestessi.
      Abbiamo bisogno di politica vera non di politicanti. Se aspettate la mia crocetta, vi presto il binocolo che ho sul trespolo, ma scruterete inutilmente. Pagliacci.
      Avete votato in CDM come ordinato da draghi che poi vi ha modificato il testo con la mano di garofoli senza dire bah, e la parola vi ritorna adesso? andate a vendere gazzosa sugli spalti che é più dignitoso.

  4. Nuova campagna elettorale con le solite promesse che ascoltiamo da anni, il segnale che potevano dare e non fatto, cosa di cui ricorderemo alle prossime elezioni, era di stralciare le spiagge come è stato fatto per i taxisti, tutto il resto è fuffa

  5. Che facce toste !!!
    Votateci che cambieremo la legge….e allora perche’ l’avete votata ??
    Col cazzo che vi voto
    Lega e FI sempre piu’ giu’ nei sondaggi…..non a caso….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.