Attualità

Balneari, Croatti (M5S): “Scarsità risorsa è escamotage molto debole”

Il senatore del Movimento 5 Stelle attacca il governo: "Strategia per difendere balneari è fragile e perdente"

«A distanza di dieci mesi dall’insediamento del governo Meloni, è arrivato il decreto attuativo che rende operativa la mappatura dei regimi concessori balneari. In quasi un anno questo esecutivo ha solo perso tempo, bloccando un settore nell’incertezza e decidendo di giocarsi un’unica carta per bypassare la direttiva Bolkestein e lasciare tutto così com’è: quella di convincere l’Europa che le spiagge italiane non siano una risorsa scarsa». Lo afferma il senatore del Movimento 5 Stelle Marco Croatti commentando il licenziamento, avvenuto ieri in consiglio dei ministri, del decreto attuativo che istituisce il nuovo sistema Siconbep per la mappatura delle concessioni pubbliche.

«Mentre si avvicina sempre più la scadenza delle attuali concessioni turistiche, stabilita per il 31 dicembre 2023 dal Consiglio di Stato, il governo scommette tutto, a partire dal futuro del comparto balneare e quello di tante piccole imprese, su una sorta di escamotage molto debole, che ha poche probabilità di convincere la commissione europea», sostiene Croatti. «In alcune regioni italiane, come l’Emilia-Romagna, una percentuale superiore all’80% delle spiagge fruibili è già in concessione a bagnini, mentre il 20% dovrebbe essere destinato alle spiagge libere, ma la percentuale non è nemmeno rispettata. Perciò questa strategia difensiva appare fragile e perdente».

Prosegue il senatore del Movimento 5 Stelle: «Il comparto balneare rischia di trovarsi a ridosso della scadenza delle concessioni senza che sia mai stato affrontato il tema delle gare, senza che se ne siano discussi i contenuti, i possibili rischi e le necessarie tutele per le micro imprese che avranno necessità di tempo per trovare finanziamenti e garanzie. E senza che i Comuni siano pronti a un carico di lavoro enorme per assegnare le concessioni. Il governo Meloni sta gettando nel caos e distruggendo un settore fondamentale per il Paese; mettendo altresì a rischio le risorse del Pnrr e avvicinandoci a multe europee molto salate. Ma soprattutto, getta via la straordinaria opportunità per cancellare privilegi, per restituire diritti ai cittadini su un bene comune e per rilanciare investimenti, innovazione, occupazione di un settore strategico per l’offerta turistica italiana. Un vero disastro».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: