Attualità Sib-Confcommercio

Balneari, Capacchione (Sib) lancia nuovo appello alle istituzioni

Inviate due lettere dirette ai capigruppo del Senato e ai componenti della V commissione della Camera

Il presidente nazionale di Sib-Confcommercio, Antonio Capacchione, ha inviato ieri due lettere-appello ai rappresentanti istituzionali. Lo rende noto un comunicato del Sib.

La prima lettera, diretta ai capogruppo del Senato, chiede l’approvazione degli emendamenti al decreto fiscale in favore dei balneari, ancorché bocciati dalla VI commissione e riproposti all’esame dell’assemblea di Palazzo Madama. La seconda lettera, diretta a tutti i componenti della V commissione della Camera, chiede invece l’approvazione degli emendamenti in favore dei balneari presentati alla legge di stabilità.

In entrambe le comunicazioni Capacchione sottolinea l’urgenza di una immediata misura normativa di salvaguardia del settore balneare, attraverso perlomeno l’attribuzione di una più lunga durata alla concessioni vigenti, anche per permettere il ripristino della funzionalità delle aziende danneggiate o distrutte recentemente dalla furia della natura.

«L’azione del Sindacato italiano balneari continuerà senza sosta alcuna – conclude la nota – fino al conseguimento dell’obiettivo di mettere in sicurezza questo strategico settore economico italiano, consapevoli che la difesa delle aziende balneari corrisponde all’interesse non di una categoria ma dell’intero paese».

© Riproduzione Riservata

Sib Confcommercio

Il Sindacato italiano balneari si è formalmente costituito il 14 dicembre 1960 e, attraverso la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE), aderisce alla Confcommercio - Confturismo.
Seguilo sui social: