Ambiente

Aumentano i reati ambientali sulle coste italiane, tra abusi edilizi e maladepurazione

Il report Mare Monstrum di Legambiente ha contato 19.530 illeciti nel 2022, con il +3,2% rispetto all'anno precedente.

Cemento illegale, inquinamento, maladepurazione e pesca di frodo mettono sotto scacco il mare italiano e le aree costiere. Sono ben 19.530 i reati ambientali accertati nel 2022 lungo le coste italiane, con un +3,2% rispetto al 2021, mentre gli illeciti amministrativi, 44.444, sono cresciuti del 13,1%. Diminuiscono invece, anche se di poco (-4%), il numero delle persone denunciate e arrestate (19.658) e in maniera più significativa quello dei sequestri (3.590, con una riduzione del -43,3%). Sommando reati e illeciti amministrativi in Italia è stata accertata, grazie a oltre un milione di controlli (esattamente 1.087.802, +31% rispetto al 2021) svolti dalle capitanerie di porto e dalle forze dell’ordine, una media di 8,7 infrazioni per ogni chilometro di costa (erano state 7,5 nel 2021), una ogni 115 metri. È quanto emerge, in sintesi, dal nuovo report Mare Monstrum 2023 di Legambiente che raccoglie dati e numeri del 2022 sul mare violato e minacciato dalle illegalità ambientali, diffuso ieri alla vigilia dell’anniversario della morte di Angelo Vassallo, il sindaco pescatore di Pollica brutalmente ucciso il 5 settembre 2010 per il suo impegno per la tutela del mare e delle coste del Cilento contro speculazioni e illegalità. Sulla sua morte Legambiente chiede da anni verità e giustizia e proprio oggi l’associazione ambientalista sarà ad Acciaroli per ricordare Vassallo con una giornata commemorativa organizzata insieme a Comune di Pollica, Anci, Slow Food Italia, Libera e Federparchi. Seguirà anche la consegna del Premio Angelo Vassallo sulla bella politica.

Tornando al report di Legambiente, per quanto riguarda i reati ambientali lungo le coste, nel 2022 a farla da padrone è il ciclo illegale del cemento (dalle occupazioni di demanio marittimo alle cave illegali, dagli illeciti negli appalti per opere pubbliche fino all’abusivismo edilizio), che rappresenta da solo il 52,9% dei reati (10.337), seguito dai diversi fenomeni di illegalità che Legambiente classifica con la voce “mare inquinato” (dalla maladepurazione allo smaltimento dei rifiuti), con 4.730 illeciti penali, e dalla pesca di frodo con 3.839 reati. Infine, ammontano a 624 le violazioni del Codice della navigazione relative alla nautica da diporto, anche in aree protette: un dato in netta crescita rispetto ai 210 del 2021 (+197,1%), con 286 persone denunciate o arrestate e 329 sequestri.

Le diverse filiere delle illegalità ambientali hanno anche un forte impatto economico: il valore dei sequestri e delle sanzioni amministrative è infatti stato nel 2022 di oltre 486 milioni di euro (in calo del -22,3% rispetto al 2021).

Davanti a questa fotografia preoccupante, su cui per Legambiente è urgente intervenire, sono otto le proposte che l’associazione ambientalista indirizza al governo Meloni per tutelare in maniera più efficace uno straordinario patrimonio ambientale del Belpaese:

  1. Ripristinare, se necessario anche con modifiche normative, l’efficacia dell’art. 10 bis della legge 120/2020 che affida ai prefetti il compito di demolire le costruzioni abusive oggetto di ordinanze di abbattimento emesse ma non eseguite dai Comuni.
  2. Rafforzare l’attività di contrasto alle occupazioni abusive del demanio marittimo.
  3. Rilanciare a livello nazionale e su scala locale la costruzione, l’adeguamento e la messa in regola dei sistemi fognari e di depurazione, migliorando in generale l’intero sistema di gestione, integrando il ciclo idrico (collettamento fognario e depurazione) con quello dei rifiuti (gestione fanghi di depurazione).
  4. Efficientare la depurazione delle acque reflue, valorizzandole come risorsa e permettendone il completo riutilizzo in settori strategici come l’agricoltura, superando gli ostacoli normativi nazionali (DM 4 185/2003) con l’attuazione del regolamento UE 741/2020.
  5. Migliorare e rendere più efficienti e omogenei i controlli delle Agenzie regionali di protezione ambientale messe in rete nel Sistema nazionale di protezione ambientale coordinato da Ispra (SNPA), approvando i decreti attuativi della legge 132 del 2016.
  6. Regolamentare in maniera stringente lo scarico in mare dei rifiuti liquidi (acque nere, acque grigie, acque di sentina, eccetera), istituendo, per esempio, delle zone speciali di divieto di qualsiasi tipo di scarico, anche oltre le 12 miglia dalla costa.
  7. Promuovere politiche attive per la prevenzione nella produzione di rifiuti e per la migliore tutela del mare e della costa.
  8. Attuare, da parte del governo e del parlamento, adeguati interventi normativi contro la pesca illegale, non dichiarata e non documentata.

La classifica sugli illeciti ambientali sulle coste

Il 48,7% dei reati del report Mare Mostrum 2023 è stato accertato nelle quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa, con la Campania che guida la classifica nazionale con 3.345 reati (pari al 17,1% del totale nazionale), seguita da Puglia (2.492 reati), Sicilia (2.184), Lazio (1.741) e Calabria (1.490 reati). La Toscana è in sesta posizione come illeciti penali (1.442), ma è al secondo posto dopo la Campania come illeciti amministrativi (4.392), seguita dalla Sicilia (4.198 illeciti e ben 8.712 sanzioni).

Per quanto riguarda la classifica delle infrazioni per chilometro di costa, la Basilicata si conferma la prima regione come numero di reati e illeciti amministrativi accertati (32,7 per ogni chilometri) seguita quest’anno dall’Emilia-Romagna con 29,1 infrazioni (era al quarto posto nel 2021), dal Molise (28), dall’Abruzzo (27,8) e dal Veneto (24 reati e illeciti amministrativi per ogni chilometro).

Il problema cronico della maladepurazione

La maladepurazione resta una delle principali emergenze croniche da affrontare. Ancora oggi, infatti, sono quattro le procedure d’infrazione decise dall’Unione europea e attive nei confronti dell’Italia in tema di collettamento, fognatura e depurazione. Nelle scorse settimane, dopo mesi di inspiegabili ritardi, è stato nominato il nuovo commissario straordinario per la depurazione: a lui Legambiente chiede continuità col lavoro fatto dal precedente commissario, un piano nazionale per la depurazione con più risorse economiche e il completamento veloce degli interventi sulla rete.

Focus sui prodotti ittici sequestrati

Nel 2022 sono state oltre 400 le tonnellate complessive di prodotti ittici sequestrati, quasi 1.097 chilogrammi al giorno. La Sicilia primeggia con oltre 129 tonnellate, mentre le prime cinque regioni (Sicilia, Puglia, Liguria, Veneto e Toscana) coprono oltre il 76,3% dei sequestri effettuati lo scorso anno. Se leggiamo il dato per chilometro di costa, in testa ci sono Veneto e Liguria, rispettivamente con oltre 188 e 120 kg per chilometro di costa, mentre saltano agli occhi regioni con importanti tratti costieri e numeri di prodotti ittici sequestrati molto al di sotto della media nazionale, pari a 54 kg per chilometro.

© Riproduzione Riservata

Legambiente

Legambiente è un'associazione ambientalista italiana, fondata nel 1980.
Seguilo sui social: