Attualità

2023 o 2033? Il punto sulle concessioni balneari

Un'analisi della situazione in seguito alle ultime pronunce della giustizia amministrativa

Negli ultimi giorni, dal Consiglio di Stato e dal Tar di Bari sono arrivate due pronunce all’apparenza contrastanti sulla durata delle concessioni balneari, che analizziamo nel video qui sopra per fare il punto della situazione sulle imminenti decisioni che dovrà prendere il governo.

L’ultima sentenza del Consiglio di Stato ha ribadito che le proroghe automatiche sulle concessioni balneari sono illegittime e i titoli vano subito riassegnati tramite gare pubbliche, mentre il Tar di Bari ha salvato 21 stabilimenti di Monopoli perché i loro rinnovi fino al 2033 sono stati rilasciati in seguito a un’evidenza pubblica. In entrambi i casi, si tratta di decisioni che ricalcano orientamenti già consolidati della giustizia amministrativa, ma che non fanno altro che confermare la situazione di confusione in cui si trova il settore. Una confusione che solo una norma statale può risolvere; ma il governo sembra intenzionato a farlo solo dopo le elezioni europee. Nel video, spieghiamo il perché.

© Riproduzione Riservata

Alex Giuzio

Dal 2008 è giornalista specializzato in economia turistica e questioni ambientali e normative legate al mare e alle coste. Ha pubblicato "La linea fragile", un saggio sui problemi ecologici delle coste italiane (Edizioni dell'Asino, 2022), e ha curato il volume "Critica del turismo" (Grifo Edizioni 2023).
Seguilo sui social: