Veneto

Un pezzo del Lido di Venezia passa in mani britanniche

Lo storico Hotel Excelsior e le sue spiagge in concessione ventennale venduti alla London & Regional Hotels

Si è conclusa nei giorni scorsi la procedura di compravendita con cui la società inglese London & Regional Hotels ha rilevato da Coima Sgr, per conto del fondo Lido di Venezia II, la proprietà dello storico Hotel Excelsior del Lido di Venezia, che include anche la gestione ventennale delle spiagge di competenza dell’albergo. La London & Regional Hotels aveva già in gestione il complesso turistico e ora ne è diventata proprietaria a tutti gli effetti.

L’Hotel Excelsior e la relativa spiaggia erano già da tempo in mani straniere. L’albergo, costruito nel 1907 da Giovanni Sardi per conto della Compagnia Italiana Grandi Alberghi (CIGA) e allora di proprietà dell’uomo d’affari veneziano Nicolò Spada, nel 1995 era infatti entrato a far parte della catena alberghiera Sheraton International, per poi passare nel 1998 sotto il marchio Westin del gruppo Starwood, di cui Coima Sgr cura gli investimenti immobiliari.

L’importo dell’acquisto, concordato nel 2017, ammonta a 104 milioni di euro e include anche il risanamento dei conti del fondo Lido di Venezia II, ereditati dalla precedente conduzione di Est Capital Sgr, di cui il ministero dell’economia nel 2014 aveva ordinato l’amministrazione straordinaria.

La notizia riguarda le spiagge di Venezia non solo perché, come detto, la compravendita include anche la gestione dello stabilimento balneare situato sul litorale antistante all’Hotel Excelsior, ma anche perché grazie alla cessione dello storico albergo, la società venditrice Coima Sgr avrà la liquidità necessaria per il rilancio dell’altro storico hotel del Lido, il Des Bains. Anche questo complesso include uno storico stabilimento, l’elegante Spiaggia Des Bains, icona dei primi anni del ‘900, descritta da Thomas Mann nel suo capolavoro Morte a Venezia. È dunque probabile che gli investimenti della Coima per il rilancio del Des Bains riguarderanno in parte anche questo stabilimento balneare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Nikolaus Suck says:

    Ma guarda, l’ennesimo caso prima, senza e a prescindere dalle gare.
    Che quindi, come volevasi dimostrare, non c’entrano proprio niente, se e dove vogliono le “multinazionali” entrano e sono sempre entrate comunque, anzi più facilmente, basta pagare. Ma se i soldi vanno nelle tasche giuste, nessuno parla e chi se ne importa di “italianità” e “piccole imprese familiari”, che strano.
    Intanto è di oggi la notizia che il governo uscente tra le altre cose intende chiudere anche i decreti attuativi. Vediamo dove arriva.
    Alla fine lo speranzoso voto a “Giorgia” potrebbe essere inutile proprio come previsto.

  2. come fanno le spiagge a passare di mano senza gare? sono di proprietà? o ci saranno bandi anche su queste alla fine del 2023? boh .vedremo. Intanto per sicurezza voto Giorgia. Poi, alle prossime vedremo. Suck se ti candidi tra le incertezze sono certo su chi non voteró.

    • Nikolaus Suck says:

      E se mi candido per “Giorgia”, magari nel tuo collegio, come fai?

      PS la spiaggia non passa di mano ovviamente, c’è solo un subentro nella concessione alle medesime condizioni, comprese le gare alla scadenza. Se dobbiamo ancora spiegare ste cose siamo messi proprio male.

  3. Giorgia,con i suoi poteri megagalattici,non puo’ fermare il tempo.E il 31-12-2023 e’troppo vicino per mettere in piedi l’uscita dall’Europa dell’Italia.Per i balneari.

    • Grazie Ilaria …come al solito spruzzi astio da tutte le parti…ma i balneari devi sapere che portano male quindi ti auguro il peggio a te e in particolare alla famiglia…

        • Nikolaus Suck says:

          Sì è uno che non perde occasione per intelligentemente mettere in buona luce sé stesso e se può la categoria. Contento lui.

          • Il bello che io la conosco,sfortunatamente, ma lei non conosce me…io non sarei di parte nel giudicarla ma è considerato dai suoi colleghi una persona veramente da evitare…e nn parlo dal punto di vista legale…e tutta la sua frustrazione la sfoga in queste sue finte battaglie…solo sei e solo rimarrai…

            • La mancata conoscenza di ABCD mi viene da dire che è una benedizione per rimanere in tema!..ti auguro di rivincere la concessione quando ci sarà il bando.

            • Nikolaus Suck says:

              Anche se fosse (e non lo è a dimostrazione che non conosci proprio nessuno o quelli sbagliati), sarebbe irrilevante, mentre direi che sta messo molto peggio chi non avendo altro si riduce a tentare patetici e inutili attacchi personali. Che pochezza. Ma non c’erano dubbi. 🙂

  4. Cara ilaria un conto è recepire una direttiva, un altro è farlo cercando il massimo danno per la categoria e il suo socio di maggioranza per dare spazio al livore che ostenti tu suck e c in ogni post.
    parliamo di politica in quanto capacita di contemperare. Se è invece una corsa contro il tempo per ottenere un obbiettivo altrimenti non raggiungibile con la democrazia, parliamo di guerra, di schieramenti di vincitori e vinti, diventa obbligatorio schierarsi per una sconfitta delle parti.
    Credo che come la russia abbia il gas, noi di strategico abbiamo solo l Italia, citta coste e isole, decidere per il meglio, in prospettiva non vuol dire necessariamente scardinare sistemi che funzionano perche qualcuno ha avuto lesi i SUOI SACROSANTI DIRITTI nell accedere al mare o chissa cos altro, da parte di un singolo, o per rispondere all europa obbedisco. Direi che la guerra ora si sposta sugli indennizzi, anzi sempre li era il centro, riconoscere un valore oggettivo o con un bliz far passare di mano aziende con l alibi del bando sulle concessioni. Tutto qui.

    • gabri tavani says:

      purtroppo vige il detto IL PEGGIOR SORDO È COLUI CHE NON VUOL SENTIRE. dai fiato e sprechi il tuo tempo ma soprattutto la tua energia . tienila cara , non ci resta che quella oramai

  5. Qualcuno osa pensare davvero, che i britannici, redbull, o qualche altro big, si faranno mettere le loro concessioni all’asta?!

  6. Robertozanucco@gmail.com says:

    Mi so del lido, tutto quello che si può fare è da chiunque x il bene di quest’isola meravigliosa…
    Ben venga.
    Altrimenti…
    Ci penseranno i vecchi …..lidensi e veneziani DOC….
    Ciao a tutti quelli che parlano a vanvera

  7. Scusate ma queste concessioni pluriennali rilasciate con atto formale hanno validità o no?? Verranno messe a bando nel 2023?? Grazie

  8. Ma guardate che pure giorgina si è allineata ai diktat della commissione europea: altro che uscire dall’Europa, quella è ben addentro al sistema, tanto che ci sguazza da decenni, tra parlamenti e governi e in questa ultima legislatura non ha fatto un solo minuto di opposizione ai Governi Conte e Draghi.

    • Nikolaus Suck says:

      Brava. Ha pure già dichiarato di essere “atlantista”. Ci sarà parecchio da ridere, o da piangere, dipende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.