Notizie locali Sicilia Sindacati e associazioni

Sicilia, canoni aumentati del 1000 per cento

Il Sib preoccupato per le infiltrazioni mafiose e cinesi

La Regione Sicilia vuole uccidere le imprese balneari, che oltre alla contestata direttiva europea Bolkestein che vuole metterle all’asta dovranno affrontare un aumento dei canoni fino al 1000%.

Giuseppe Ragusa, presidente provinciale del Sib Catania, è preoccupato: «Molte aziende nella nostra provincia cominciano ad avere problemi, addirittura non riescono a pagare le tasse e i canoni demaniali».

I balneari siciliani continuano inoltre ad essere spaventati per le infiltrazioni nelle aste delle spiagge da parte della mafia, degli imprenditori stranieri e delle multinazionali. Sempre a Catania, una cordata di imprenditori cinesi si sarebbe già interessata alla catena di alberghi spagnoli Nh, e nella zona Playa avrebbero già preso in gestione un’importante struttura turistica.

Continua Ragusa: «In questi giorni si è parlato della paura dei cinesi o dei russi o di altri capitali. Fin quando si tratta di capitali puliti non si ha nessuna paura, perché possono migliorare il territorio e abbiamo bisogno di gente che investe da noi. Ma la paura maggiore per il turismo balneare resta l’infiltrazione mafiosa: siamo in un territorio dove la mafia spesso cerca di sconvolgere l’andamento degli imprenditori che vogliono lavorare in modo corretto».

(fonte: Tm News)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.