Abruzzo Sib-Confcommercio

Sib: “A rischio servizi di spiaggia se non sarà applicata estensione al 2033”

Il presidente Capacchione ha lanciato il messaggio in occasione dell'assemblea di ieri in Abruzzo

Si è svolta ieri a Giulianova l’assemblea degli imprenditori balneari della provincia di Teramo aderenti al Sib-Confcommercio, alla presenza di Ivan Constantini (sindaco di Giulianova), Umberto D’Annuntiis (sottosegretario alla presidenza del consiglio regionale abruzzese) e i vertici di Sib e Confcommercio Antonio Capacchione, Riccardo Padovano, Domizio Scilli e Gianmarco Giovannelli.

In apertura dei lavori il sindaco di Giulianova ha comunicato che il Comune ha adottato il provvedimento amministrativo per la concessione della nuova scadenza dei quindici anni, quindi il rappresentante della Regione si è soffermato sulle problematiche riguardanti l’erosione costiera.

Nel proprio intervento il presidente nazionale del Sib-Confcommercio Capacchione, nel ringraziare il sindaco e gli amministratori regionali che hanno prontamente applicato la legge sui quindici anni, ha evidenziato come, a distanza di oltre un anno dall’emanazione della legge nazionale, sono ancora molti i comuni inadempienti. «Ma, soprattutto, è il governo a essere inadempiente nell’applicazione della legge, sia perché non ha emanato la circolare applicativa, sia per il mancato avvio della riforma complessiva del settore», ha detto Capacchione. «Questa situazione mette a rischio l’erogazione dei servizi di spiaggia già nella stagione estiva 2020. Ecco perché tutti i concessionari italiani, entro le prossime settimane, devono ottenere il provvedimento applicativo dei quindici anni. È tempo che il governo sia consapevole della gravità della situazione. È tempo di passare dalle parole ai fatti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sib Confcommercio

Sib Confcommercio

Il Sindacato italiano balneari si è formalmente costituito il 14 dicembre 1960 e, attraverso la Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE), aderisce alla Confcommercio - Confturismo.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *