Attualità

Riforma spiagge, incontro governo-Regioni. Scajola: “Attendiamo proposta”

Accolta la richiesta sul coinvolgimento degli enti locali

«Il governo ha finalmente ricevuto le Regioni dopo le nostre forti richieste, incontrando i ministri Maria Stella Gelmini, Massimo Garavaglia e Giancarlo Giorgetti, e si è impegnato a presentare un testo nei prossimi giorni, che valuteremo, con l’obiettivo primario di tutelare le imprese italiane e garantire la salvaguardia delle nostre coste». Lo ha detto l’assessore della Regione Liguria e coordinatore della commissione interregionale al demanio marittimo della Conferenza delle Regioni Marco Scajola a seguito della riunione tra governo e Regioni convocata per affrontare il tema delle concessioni balneari, dopo la commissione di lunedì scorso, nella quale le Regioni avevano richiesto un confronto urgente con l’esecutivo e condiviso un testo comune.

Durante l’incontro le Regioni compatte hanno ribadito che «non si può più perdere tempo» e che «è necessario un provvedimento legislativo nazionale che ponga fine a un’intollerabile situazione di incertezza per le imprese e per i lavoratori nel settore balneare».

«Adesso attendiamo la stesura del documento da parte del governo che auspichiamo avvenga in tempi brevissimi; un testo che ritengo debba essere condiviso anche con le associazioni di categoria e i Comuni», conclude Scajola.

accessori spiaggia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Teo Romagnoli says:

    Fa’ molto piacere sentire le parole di personalità competenti ed enti locali che evidentemente conoscono da vicino la realtà del territorio. Ora bisogna passare dalle parole ai fatti. Senza futuro non c’è pianificazione e quindi crescita. Basta incertezze e contraddizioni. Anche sui tempi non si può che essere d’accordo.

  2. Tutti a Roma 10 marzo ! no è possibile che lavoro di una vita intera una o due generazione devono togliere senza dare indennizzo ! I governo che farà questo devono riflettere bene … no possono pensare che danno ai multinazionale i nostro lavoro.
    Italia finito male!!!! sta facendo le cose che ridicola e ingiusto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.