Federbalneari

Riforma demanio, Federbalneari: “Mappatura calcoli anche laghi e fiumi”

L'appello dell'associazione in una lettera inviata al premier Draghi

Venticinquemila chilometri di coste invece di settemilacinquecento, oltre centocinquantamila concessioni invece di trentamila. Il governo ha esteso la riforma delle concessioni balneari anche a laghi e fiumi (legge 13 ottobre 2020, n. 126), ma nella mappatura dell’esistente non ha tenuto conto dei (grandi) numeri che riguardano queste realtà e che modificano drasticamente la prospettiva di tutta l’impalcatura regolatoria. La denuncia arriva da Federbalneari Italia, che ha avviato un’attività di mappatura con il proprio centro studi per supplire a questa grave lacuna. L’associazione ha indirizzato una nota, a firma del presidente Marco Maurelli, al presidente del consiglio Mario Draghi per informarlo di questo aspetto sin qui trascurato dal governo, che nelle more della riforma del settore deve procedere alla mappatura della costa, del mare, dei laghi e dei fiumi.

«Non si comprende – argomenta Maurelli – come sia possibile inserire una realtà vasta e complessa come quella che riguarda fiumi e laghi all’interno del processo di riforma e dimenticarsi completamente di considerare i numeri che porta con sé. Sono cifre enormi, che triplicano e più i chilometri e moltiplicano il conteggio totale delle concessioni da prendere in considerazione nell’analisi quantitativa che è stata posta dal governo a fondamento della riforma stessa. Questa assurda lacuna apre scenari importanti e compatibili con il negoziato in Commissione europea sulla revisione giuridica del settore, con impatti sulla imminente riforma del settore piuttosto significativi».

Federbalneari Italia «auspica che questo percorso sia corretto e recepito subito dal governo Draghi per dare certezze e fornire quel quadro regolatorio che manca alle imprese del mare, dei laghi e dei fiumi italiani che meritano il superamento dell’incertezza, condizione indispensabile per avere la stabilità economica e l’opportunità di continuare a competere con il resto dei paesi Ue nel comparto turistico».

Conclude Maurelli: «Anche le Regioni hanno ben compreso la portata della situazione e, come hanno ribadito con una nota formale, restano in attesa della proposta di riforma e di tutela delle concessioni, nel solco della sostenibilità ambientale, che il governo deve varare di concerto con tutti i soggetti coinvolti, comprese le associazioni di categoria e le piccole e medie imprese che promuovono il turismo sulle coste italiane. Ora ci aspettiamo che tali riflessioni sul demanio marittimo, lacuale e fluviale, poste nel corso della riunione del tavolo tecnico all’attenzione del ministro al turismo Massimo Garavaglia, vengano valutate con attenzione dal premier e il governo dimostri un impegno concreto per la tutela del modello turistico italiano, così esclusivo in Ue, invitando tutte le istituzioni europee e italiane a fare altrettanto. In gioco c’è la sopravvivenza stessa del comparto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Federbalneari Italia

Federbalneari Italia è un'associazione di categoria che riunisce le imprese del turismo balneare italiano.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.