Toscana

Regione Toscana stanzia 2,5 milioni di euro contro erosione costiera

Previsti dodici interventi nei litorali più colpiti dalla storica mareggiata del 2018

La Regione Toscana ha stanziato 2,5 milioni di euro ai Comuni costieri per ripristinare la linea di costa gravemente arretrata a causa dell’erosione. Le opere straordinarie riguardano la manutenzione delle opere di difesa compromesse dalla storica mareggiata del 2018.

Il “Documento operativo per la costa” approvato dalla giunta regionale prevede un totale di dodici interventi a Marina di Massa e Ronchi, Marina di Pisa, Punta del Frate (Isola di Capraia), Vada, Cecina, Biodola (Portoferraio), Moletto, Mola, Via Vitaliani, Largo Andreani e La Rossa (Porto Azzurro), Madonna delle Grazie (Capoliveri, Isola d’Elba), Scarlino, Le Rocchette e Foce del Bruna (Castiglione della Pescaia) e Tombolo Campo Regio e Giannella (Orbetello). In base al cronoprogramma, l’approvazione dei progetti esecutivi e l’affidamento dei lavori con gara sono previsti tra aprile e maggio, mentre la conclusione dei lavori dovrà avvenire entro il 30 giugno.

«L’erosione costiera – afferma il governatore della Regione Toscana Eugenio Giani – è un fenomeno dinamico e conseguenza dei cambiamenti climatici che riguarda ampi tratti della costa toscana. Questo impone alla Regione di indirizzare le attività sia alle necessità di ripristino stagionale che alla programmazione di lungo periodo. Un lavoro complesso che stiamo portando avanti coinvolgendo tutti gli attori attraverso la costituzione della task force regionale, di cui fanno parte i Comuni costieri e i rappresentanti delle associazioni dei balneari. Con questa delibera approviamo e finanziamo dodici interventi di ripristino per un totale di 2,5 milioni di euro, risorse importanti per consentire agli stabilimenti balneari di guardare con ottimismo alla stagione che sta per iniziare. Tutti i progetti sono il frutto del lavoro fatto in questi mesi delle commissione tecniche che abbiamo costituito dopo la formazione della task force, coordinate dai geni civili di competenza e dal settore “Tutela acqua e costa” con la partecipazione di rappresentanti di Comuni e associazioni di categoria».

giochi festopolis
pouf Pomodone

Aggiunge l’assessora all’ambiente Monia Monni: «Il documento operativo vuole dare una risposta alle richieste dei territori più colpiti dall’erosione costiera e dagli eventi che hanno interessato ampi tratti del litorale toscano lo scorso inverno, ma soprattutto è la conferma dell’impegno a voler affrontare questa tematica in modo concreto. Il lavoro non termina con questa delibera, ma prosegue con le attività delle commissioni tecniche che hanno il compito di trovare soluzioni strutturali a questo fenomeno che in questi anni si è accentuato con l’intensificarsi dei cambiamenti climatici. Pertanto è necessario affrontarlo non soltanto con interventi spot, ma con una visione generale e strutturale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.