Ambiente Attualità

Premiate le migliori innovazioni fotovoltaiche

Il concorso promosso da Marevivo era rivolto all'energia solare per le isole minori italiane.

Via Krupp a Capri illuminata di sera grazie al sole: il concorso internazionale di idee ‘L’energia solare per le isole minori italiane’, lanciato da Marevivo nel 2010, ha premiato uno speciale componente “solare” ideato da Dyaqua, in cui una resina simula perfettamente l’aspetto esteriore delle pietre e dei materiali, rendendo al contempo invisibile il generatore fotovoltaico. L’uso di questo componente permetterà così di accendere la strada panoramica più bella dell’isola, senza modificarne l’aspetto paesaggistico e sulla base di un progetto realizzato da Sartogo Architetti Associati. Per migliorare le prestazioni, si sta formalizzando un accordo di ricerca tra la società produttrice e l’Enea, con l’obiettivo dello sviluppo del prototipo, che prevede prove di qualificazione tecnologica, e l’ingegnerizzazione realizzate presso il centro Enea di Portici.

Ma la pietra fotovoltaica – esempio di proficua collaborazione tra ricerca pubblica e impresa – non è l’unica idea vincente del concorso internazionale promosso dall’associazione ambientalista Marevivo, dal Gse (Gestore dei Servizi Energetici), dall’Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), dal Citera (Centro di ricerca interdisciplinare territorio edilizia restauro ambiente) dell’Università di Roma La Sapienza, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali (Direzione generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l’architettura e l’arte contemporanee) e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (Segretariato Generale).

A Capri, il 22 ottobre, ore 19.30, ci sarà infatti la consegna dei riconoscimenti anche alle altre opere vincitrici, dal “Pettine di Venere” dello Studio Associato Pandolfo Possamai alle “Pensiline aree portuali” del Gruppo Colarossi, al “Sistema impiantistico per l’isola di Capraia” del Gruppo Pardi fino alle “Lune di Capri” e “I numeri di via Krupp” di Sartogo Architetti Associati.

E’ già partita, intanto, l’edizione 2011 del progetto ‘Sole, vento e mare per le isole minori – Energie rinnovabili e paesaggio’, promosso dagli stessi partner dell’anno precedente. I modelli vincitori del bando 2010 saranno in esposizione a Capri dal 21 al 23 ottobre. L’obiettivo dei promotori, portato avanti dal 2007, è incoraggiare la progettazione di soluzioni tecnologiche da fonti di energia rinnovabile applicate al contesto delle isole minori e delle aree marine protette, contribuendo allo sviluppo locale nel rispetto dei valori paesaggistici. Insomma, le isole minori come luoghi simbolo di questa rivoluzione che rappresenta il futuro energetico del Paese.

Alla tavola rotonda “Sole, vento e mare – Energie rinnovabili e paesaggio”, aperta dal Presidente della Commissione Ambiente del Senato Antonio D’Alì, il 22 ottobre, ore 16.30, intervengono i rappresentanti di Marevivo, Enea, Università La Sapienza, Ministero dell’Ambiente, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ANCIM (Associazione Nazionale Comuni Isole Minori), ICOMOS (International Council on Monuments and Sities) Italia, Rotary Club Capri, Fondazione Einaudi. A chiudere i lavori, coordinati da Federico Fazzuoli, il sottosegretario per i Beni Culturali, Riccardo Villari.

Fonte: ufficio stampa Marevivo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.