Attualità Toscana

Parchi acquatici in spiaggia, apre il più grande della Toscana

È il secondo più grande in Italia dopo Rimini e nascerà a Butelli: ecco quando sarà aperto e gli orari.

Si chiama Scarlino Splash ed è il più grande il parco acquatico della Toscana, che farà divertire e trascorrere ore indimenticabili ai bambini dai sei anni in su e amplierà l’offerta turistica per la costa maremmana. Il parco, che sorge davanti allo stabilimento balneare dell’Hotel La Darsena, in località Butelli, ha un’estensione di 2.000 metri quadrati ed è il più grande del mar Tirreno e il secondo in Italia dopo il Boabay di Rimini, con i suoi 5.000 metri quadrati.

accessori spiaggia

L’iniziativa è stata presa dalla Meria, la società che gestisce già il villaggio turistico Girasole e l’albergo La Darsena a Scarlino. «Il progetto è partito alla fine della scorsa estate – spiega l’amministratore unico della Meria, Simone Borselli – e dopo un lungo iter burocratico siamo arrivati alla scorsa settimana, con le autorizzazioni rilasciate dall’amministrazione comunale».

«Per arrivare alla fine dell’opera – aggiunge – ci siamo avvalsi del lavoro di professionisti della zona. L’ingegner Paolo Migliorini di Grosseto si è occupato della sicurezza e della verifica dei fondali; l’architetto Barbara Leoni di Follonica ha pensato alla parte paesaggistica, mentre il geometra Angelo Pecchia di Follonica ha effettuato lo studio a terra, visto che il parco ha comportato un ampliamento della parte demaniale. Il parco acquatico Splash sarà aperto ogni anno dal 1° giugno al 15 settembre, dalle 10 alle 18».

In questi giorni la società Meria sta studiando anche le strategie di mercato per rendere unico questo parco, che va ad arricchire il pacchetto di offerte per chi sceglie Scarlino, Follonica, Punta Ala e la Maremma in generale per le vacanze estive. «Il parco acquatico – prosegue Borselli – rientra in un pacchetto che prevede alloggio in hotel, stabilimento balneare e questa nuova e imperdibile possibilità per i bambini».

Com’è nata l’idea di realizzare un parco acquatico?

«Abbiamo toccato con mano la scarsità di offerte, dopo aver visitato il Boabay di Rimini. Questo tratto di costa non ha offerte di svaghi e divertimenti sul mare e quelli realizzati, pur piccoli, hanno avuto un grande successo. Un’indagine di mercato ha portato a un risultato promettente, che parla di 30.000 potenziali presenze».

Dalla prima stesura del progetto rimangono fuori dal parco i bambini sotto i sei anni.

«È un problema che abbiamo preso in considerazione – sottolinea Borselli – ma già dall’anno prossimo il parco potrebbe partire dal bagnasciuga. Il primo tratto della pedana blu di 4 metri per 34 adesso si trova a ottanta metri dalla riva. Qualcuno ci ha già chiesto poi trampolini per i tuffi da tre metri. Adesso partiamo, poi si vedrà. Abbiamo aperto una nuova strada per il turismo e siamo pronti a migliorarci per soddisfare la clientela».

Perché è stata scelto proprio il tratto di mare in località Butelli?

«Perché un parco con giochi impegnativi, alti anche tre metri, ha bisogno di riparo e quella spiaggia tra Follonica e il Puntone è la più riparata del già riparato golfo».

fonte: Il Tirreno

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: