Fiba-Confesercenti

Mareggiate, Rustignoli: “Destinare fondi Pnrr a difesa da erosione costiera”

Il presidente di Fiba-Confesercenti: "Tema deve entrare fra priorità dell'agenda di governo"

«Sono assolutamente apprezzabili l’attenzione e il sostegno mostrati dal ministro del turismo Daniela Santanchè nei confronti delle imprese balneari colpite dal maltempo». Lo afferma il presidente di Fiba-Confesercenti Maurizio Rustignoli. «Questa ennesima mareggiata mostra la fragilità delle coste italiane, in un momento già di difficoltà e incertezza della categoria. Molti territori sono stati colpiti fortemente, con danni ingenti per le strutture causati dagli allagamenti. È chiaro che il tema dell’erosione costiera deve entrare tra le priorità dell’agenda di governo, non si può continuare a farlo gestire a Comuni e Regioni».

«Per questo – prosegue il presidente di Fiba – chiediamo che una parte dei fondi del Pnrr siano destinati a una seria progettazione a difesa delle nostre coste. Ogni nuova mareggiata mostra la grande fragilità di un sistema balneare e turistico che è fondamentale per il paese, con un valore socio-economico importante. Non si può fare balneazione e non si può fare turismo senza la messa in sicurezza delle spiagge e dei litorali, a tutela anche dei centri abitati, dei parchi e delle pinete dei rispettivi territori».

Conclude Rustignoli: «Ci auguriamo che nei prossimi mesi e la questione dell’erosione costiera venga affrontata con la giusta considerazione. Come Fiba-Confesercenti siamo certamente pronti a offrire il nostro contributo. L’erosione costiera non può essere gestita con interventi straordinari, ma bisogna prevedere piani di manutenzione della costa ordinari che, annualmente o ogni due anni, vengano fatti a rotazione lungo tutta la fascia costiera della penisola. Il 60% delle coste italiane è infatti già in forte erosione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Fiba Confesercenti

Fiba (Federazione italiana imprese balneari) è la federazione sindacale di categoria degli stabilimenti balneari, in seno a Confesercenti.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.