Sicurezza

Mare sicuro, Guardia costiera stanzia 315 mezzi per vigilare su coste italiane

Presentata l'edizione 2021 della consolidata operazione a tutela dei turisti balneari

Riparte “Mare sicuro”, l’operazione che vede da oltre trent’anni la Guardia costiera ogni estate al fianco dei cittadini e dei turisti che scelgono le coste e i mari italiani per le proprie vacanze. L’operazione riparte dal mare di Roma, a Ostia, dove ieri mattina – alla presenza del ministro delle infrastrutture Enrico Giovannini e del comandante generale delle Capitanerie di porto – Guardia costiera Giovanni Pettorino – è stata lanciata l’iniziativa con la principale finalità di prevenire gli incidenti in mare. Fino al 19 settembre, infatti, oltre 300 mezzi navali e 15 mezzi aerei vigileranno lungo gli 8.000 km di coste del paese, sul Lago di Garda e sul Lago Maggiore, a garanzia della sicurezza in mare e pronti a intervenire in caso di emergenze.

«Ringrazio le donne e gli uomini della Guardia costiera per il loro impegno che ogni anno, grazie alla campagna “Mare sicuro”, consente a milioni di turisti di trascorrere le vacanze in condizioni di sicurezza e nel rispetto dell’ambiente marino e delle coste», ha dichiarato il ministro Giovannini. «La salvaguardia delle vite umane e la tutela dell’ecosistema marino rappresentano valori inderogabili che trovano nella Guardia costiera un baluardo di difesa. La sicurezza e la sostenibilità ambientale passano anche attraverso la promozione della cultura del mare e per questo l’attività della Guardia costiera riveste una particolare importanza, soprattutto verso i giovani».

Ha aggiunto l’ammiraglio Pettorino: «Nella stagione estiva appena iniziata sono stati già diversi i soccorsi che abbiamo prestato a decine di diportisti, molti dei quali evitabili se si fossero tenuti comportamenti più prudenti. È proprio la prevenzione la chiave di volta per ridurre le situazioni di pericolo in mare. La Guardia costiera parla da anni di cultura del mare, soprattutto ai più giovani, con lo scopo di diffondere una maggiore consapevolezza dell’importanza di comportamenti responsabili. Lo fa quest’anno anche attraverso una mirata campagna di comunicazione che ha già raggiunto milioni di persone e continuerà a farlo nei prossimi giorni».

Un’analisi dei dati della scorsa stagione estiva, che ha visto soccorrere oltre 2.500 persone tra diportisti e bagnanti, conferma che la maggior parte delle emergenze in mare è correlata a situazioni di pericolo prevedibili ed evitabili, come le avarie al motore e le avverse condizioni meteo marine. Proprio in tale ottica è stata adottata in questi giorni la direttiva annuale a firma del ministro Giovannini sulla “Razionalizzazione dei controlli di sicurezza sulle unità da diporto – Anno 2021”, più nota come campagna “Bollino blu”, un’attività ormai strutturatasi negli anni che permetterà ai diportisti di vivere il mare più serenamente, evitando una duplicazione dei controlli in materia di sicurezza della navigazione.

Nel corso della conferenza, moderata dal capo ufficio comunicazione della Guardia costiera Cosimo Nicastro, sono state illustrate le principali iniziative dell’operazione “Mare sicuro” e della relativa campagna di comunicazione, incentrata sulla valorizzazione delle regole e delle buone norme da seguire in un periodo in cui l’affluenza in mare e sulle spiagge cresce in maniera esponenziale e aumenta il rischio di incidenti. Presente all’incontro anche Luca Ward, testimonial d’eccezione del nuovo spot istituzionale della Guardia costiera, in onda in questi giorni sulle reti Rai, che richiama l’attenzione del grande pubblico sul numero per le emergenze in mare 1530 e sulle attività della Guardia costiera. Allo spot si uniscono anche una serie di raccomandazioni veicolate attraverso “pillole di sicurezza” per diportisti, subacquei e bagnanti; raccomandazioni che quest’anno si rinnovano anche in una nuova avvincente veste grafica, con vignette animate rivolte ai più piccoli, disegnate da Fabrizio Mazzotta e doppiate da Davide Lepore e Antonella Baldini. Una campagna di prevenzione che accompagnerà dunque gli utenti del mare per tutta l’estate, sul sito e sui profili social istituzionali della Guardia costiera, nonché attraverso la sua storica collaborazione con Anas, Radio RTL 102.5 e Isoradio.

Al termine dell’evento, nelle acque antistanti il litorale di Ostia si è tenuta un’esercitazione complessa di addestramento alla ricerca e soccorso in mare che ha coinvolto motovedette e un elicottero AW139 “Nemo” della Guardia costiera, nel corso della quale è stata testata la macchina del soccorso in presenza di naufraghi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Guardia Costiera

Il Corpo delle capitanerie di porto - Guardia costiera è uno dei corpi specialistici della Marina Militare italiana e svolge compiti relativi agli usi civili del mare, con funzioni di sicurezza.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *