Attualità

Le tv hanno censurato la manifestazione dei balneari?

Nonostante la presenza di tutti i tg nazionali, che hanno realizzato lunghe interviste e riprese, non sono andati in onda servizi

Sembra esserci stato un vero e proprio boicottaggio mediatico, nei confronti della manifestazione dei balneari di giovedì scorso. Nonostante la presenza delle troupe di tutte le principali reti televisive, che hanno realizzato lunghe riprese e interviste, non un solo servizio è andato in onda sui telegiornali nazionali. A denunciarlo sono Sib-Confcommercio e Fiba-Confesercenti, le due associazioni organizzatrici della manifestazione che ha portato in piazza oltre cinquemila persone. Molto probabilmente le parole pronunciate dai balneari, preoccupati per le promesse non mantenute da parte di Fratelli d’Italia, hanno irritato il governo Meloni; e forse per questo, i tg più sensibili al consenso della politica potrebbero avere deciso di non dare troppo rilievo alla manifestazione. Un fatto che la dice lunga sullo stato del giornalismo in Italia, spesso più al servizio delle logiche del potere che di quelle dell’informazione. Ma anche una dimostrazione indiretta della buona riuscita della manifestazione, che ha lanciato forte e chiaro il messaggio di una categoria esasperata per la mancanza di una legge e per le parole al vento della politica. Tanto da avere scatenato una sorta di censura, per non far passare il messaggio di migliaia di imprenditori traditi dal partito che hanno votato con convinzione.

«La mattina della manifestazione abbiamo registrato la presenza di tutte le principali testate televisive, a cui abbiamo rilasciato lunghe dichiarazioni, ed è anomalo che non sia stato riportato assolutamente nulla di tutto ciò nei telegiornali nazionali», conferma Maurizio Rustignoli, presidente di Fiba-Confesercenti. «Questo fatto ci lascia perplessi e dispiaciuti. Come balneari abbiamo sempre rispettato il settore dell’informazione, anche quando si è dimostrato impegnato a costruire servizi falsi sulla nostra categoria; ma è invece evidente che l’informazione non abbia rispettato il mondo dei balneari. Avere duramente lavorato per costruire una manifestazione così efficace e partecipata e non avere avuto nessun ritorno mediatico è qualcosa che ci rende profondamente basiti».

Conferma Antonio Capacchione, presidente del Sib-Confcommercio: «Quello dei media è stato un palese tentativo di boicottaggio. È sconcertante lo stridente contrasto fra la nutrita presenza di tutte le reti televisive nazionali con l’assenza totale dei relativi servizi girati. Spero vivamente che ciò non sia frutto di interventi politici. Sarebbe gravissimo. Ma forse non è chiaro che non ci fermeranno».

Anche l’esponente della Lega Paolo Ripamonti, in un video pubblicato su Instagram, ha constatato l’assenza della notizia sulle tv nazionali: «La manifestazione è stata molto partecipata, l’ho potuto constatare di persona e sono stato pure intervistato – ha detto l’ex senatore – eppure non ne ho trovato traccia su nessun canale televisivo. Trovo tutto ciò un fatto poco edificante per il sistema dell’informazione. La piazza era gremita e le due sigle che hanno organizzato la manifestazione, Sib-Confcommercio e Fiba-Confesercenti, sono le più importanti e rappresentative del settore; eppure i tg non ne hanno dato notizia».

Nel video qui di seguito, il servizio di Mondo Balneare sulla manifestazione.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: