Emilia-Romagna Eventi

Le concessioni balneari dopo il 2024: convegno tecnico a Ravenna

Appuntamento il 16 febbraio alle ore 10 con due autorevoli avvocati esperti in demanio marittimo

Un convegno tecnico con tre autorevoli avvocati esperti in demanio marittimo, per confrontarsi sull’attuale situazione normativa delle concessioni balneari e sulle prospettive future del settore. L’appuntamento, organizzato da Cooperativa Spiagge Ravenna e Mondo Balneare, è rivolto agli imprenditori balneari di tutta l’Emilia-Romagna e si terrà venerdì 16 febbraio alle ore 10 al Pala De Andrè di Ravenna, nell’ambito della “Fiera Imprese Balneari 2024” promossa dalla stessa Cooperativa Spiagge Ravenna.

Il convegno si intitola “Concessioni balneari, cosa accade dopo il 2024? Lo scenario normativo attuale e le ipotesi sul rinnovo dei titoli” e vedrà intervenire tre legali fra i massimi esperti in materia, ovvero Stefano Zunarelli, Alessandro Del Dotto e Cristina Pozzi. Scopo dell’iniziativa è analizzare lo scenario in cui si trovano le attuali concessioni balneari, alle prese con l’imminente scadenza del 31 dicembre 2024 e con la necessità di una riforma a cui il governo nazionale non ha ancora messo mano, per decidere le modalità con cui saranno rinnovati i titoli. Questi i titoli delle tre relazioni:

  • Avv. Alessandro Del Dotto: “Vuoti apparenti e frontiere invalicabili nel sistema normativo delle concessioni demaniali marittime
  • Avv. Cristina Pozzi: “Possibili sviluppi della normativa in materia di concessioni demaniali
  • Avv. Stefano Zunarelli: “La mappatura dei litorali e il concetto di scarsità di risorsa

Prima dei tre avvocati, interverranno per i saluti introduttivi Maurizio Rustignoli (presidente Cooperativa Spiagge Ravenna) e Michele De Pascale (sindaco di Ravenna). Il convegno sarà moderato da Alex Giuzio, caporedattore di Mondo Balneare.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: