Campania Notizie locali Sindacati e associazioni

I balneari di Salerno chiedono lo stato di crisi

Riportiamo la lettera di richiesta di dichiarazione dello stato di crisi economica per calamità naturali del comparto balneare e ricettivo del litorale di Salerno città, inviata dal presidente del consorzio turistico La Riviera Salernitana a sindaco, presidente della Regione, Agenzia delle entrate e Agenzia del demanio.

di Alberto Serritiello

L’Assemblea del Consorzio Turistico La Riviera Salernitana, al quale aderiscono gran parte delle strutture turistiche del comune di Salerno, che si è tenuta in data 30 luglio 2013, ha deliberato di chiedere alle Istituzioni preposte (Comune, Regione, Governo) lo stato di crisi del comparto balneare e ricettivo del litorale di Salerno sulla base delle seguenti constatazioni.

Nei primi mesi estivi da maggio a luglio 2013 si è registrato un forte calo di presenze negli stabilimenti balneari e nelle strutture ricettive del territorio comunale di Salerno. Ormai le presenze sono concentrate solo nei giorni di sabato e domenica, mentre negli altri giorni i lidi rimangono quasi vuoti anche se si è costretti a tenere in funzione tutta l’organizzazione ricettiva. In particolare questi primi mesi sono stati caratterizzati da avverse condizioni atmosferiche che hanno sconsigliato i turisti di scendere in spiaggia.

La prospettiva ad oggi non credo ci consentirà di recuperare rispetto a un 2012 anch’esso peraltro non particolarmente favorevole dal punto di vista meteorologico.

La causa principale dell’esito negativo del turismo balneare e ricettivo rimane comunque la crisi economica che attanaglia il nostro paese e che costringe le famiglie a organizzarsi in maniera occasionale ed estemporanea rispetto all’usanza tipica che era il noleggio stagionale di cabine e ombrelloni. Chiaramente questo ha comportato una riduzione anche del fatturato di tutto l’indotto, poiché tutto quello che si rende necessario per una giornata a mare le famiglie hanno cominciato a portarselo da casa.

Si è rafforzato il fenomeno per cui solo nei weekend si registra il maggior numero di presenze in spiaggia, mentre nei giorni feriali gli stabilimenti balneari sono quasi vuoti. Le imprese balneari presenti lungo il litorale di Salerno sono numerose e la drastica riduzione della redditività sta avendo ripercussioni economiche gravissime, in quanto in tali condizioni non si riesce neppure a coprire i costi di gestione giornalieri e si è dovuto rinunciare ad assumere personale stagionale, proprio a causa di quest’emergenza. Nel contempo si registra la completa paralisi di tutto l’indotto terziario collegato, senza contare che in taluni casi molte imprese sono prossime al fallimento.

L’intero settore balneare risulta al collasso economico in quanto schiacciato dall’enormità della crisi, dalla grande pressione fiscale, nonché dal peso degli investimenti che gli imprenditori hanno affrontato stagionalmente, evidenziando ancora una volta i forti danni subiti dalle strutture a seguito delle fortissime mareggiate verificatesi negli ultimi quattro anni che in alcuni casi, come per esempio nel 2010, hanno costretto i gestori alla ricostruzione anche totale delle strutture ricettive.

Pertanto il Consorzio Turistico La Riviera Salernitana, facendosi interprete anche delle esigenze di tutti gli operatori della fascia costiera di Salerno, chiede alle istituzioni Comune, Regione e Autorità nazionali preposte la dichiarazione dello stato di grave crisi del settore balneare e ricettivo, in considerazione delle circostanze esposte, e chiede che per l’anno 2013 vengano attuate urgentissime misure a sostegno del settore balneare salernitano al fine di evitare la preannunciata chiusura di decine di imprese già nei prossimi mesi. In particolare l’assemblea del Consorzio chiede:

al Comune di Salerno:

  • il blocco, ancorchè temporaneo dell’aumento del canone Tarsu e l’allungamento delle rateizzazioni relative allo stesso;

alla Regione Campania, nella persona del presidente della giunta regionale:

  • la formalizzazione dello sgravio dei tributi regionali,
  • l’approvazione del Piano di Utilizzazione delle Aree Demaniali Marittime ad uso ricreativo e turistico c.d. PUAD
  • una legge regionale sull’Organizzazione del Sistema Turistico in Campania che non si sostanzi nella istituzione di un’ennesima Agenzia regionale, ma che attui un concreto piano di sviluppo e di promozione turistica che garantisca una più lunga stagionalità, in modo da offrire importanti occasioni di lavoro agli addetti del turismo, così detto, interno, anche nei periodi di bassa stagione.

Al Governo e alle autorità preposte alla imposizione delle tasse e delle imposte:

  • la defiscalizzazione degli oneri sociali per il settore balneare;
  • la sospensione temporanea del versamento dei canoni demaniali con il riconoscimento del pagamento del solo canone di occupazione;
  • che ai fini Irpef, Iva, Irap per l’anno 2013, sia sospesa l’applicazione degli studi di settore o venga disposto un adeguamento dei parametri alle particolari caratteristiche connesse alle attività turistico-balneari;
  • l’istituzione di un credito d’imposta finalizzato agli investimenti per l’ammodernamento delle strutture degli stabilimenti balneari.

il presidente del consorzio La Riviera Salernitana, Alberto Serritiello

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.