Attualità

Gasparri: “No alle gare per le spiagge, governo replichi a farneticazioni Ue”

Il senatore di Forza Italia: "Le interpretazioni errate della direttiva Bolkestein vanno spazzate via"

«Mai gare per le concessioni balneari: il governo ha il dovere di replicare con durezza alle farneticazioni europee e deve difendere le norme più volte approvate dal parlamento per le proroga al 2033». Lo dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

«Va assunta una forte iniziativa – afferma Gasparri – per chiarire una volta per tutte che le interpretazioni errate della direttiva Bolkestein vanno spazzate via».

«Preoccupa l’ambiguità di troppi. Il Pd ha colpe storiche nei confronti dei balneari e del turismo. Forza Italia sarà determinata nel tutelare le imprese italiane e quindi anche quelle balneari, e non lascerà spazio a formule ambigue», tuona il senatore azzurro. «Mai gare abusive, mai più Bolkestein, questa resta una scelta indiscutibile. E anche e soprattutto nel centrodestra nessun cedimento. E nessuna resa alle pretese del Pd che vuole assecondare le multinazionali che vogliono colonizzare le spiagge italiane. Siamo pronti a contrastare cedimenti e tradimenti».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: