Attualità

Il futuro delle spiagge secondo la politica: il dibattito sulle concessioni balneari

Un confronto concreto e approfondito tra i partiti candidati al parlamento

Un dibattito approfondito su tutti i temi che riguardano la riforma delle concessioni balneari, dalle modalità con cui effettuare le procedure selettive al riconoscimento degli indennizzi per i concessionari uscenti, dal riordino dei canoni alla durata dei nuovi titoli. “Il futuro delle spiagge“, organizzato da Mondo Balneare col supporto di Cooperativa Spiagge Ravenna, è stata l’unica iniziativa che ha messo a confronto in maniera equa e concreta le posizioni dei principali partiti candidati al parlamento in vista del voto del prossimo 25 settembre. Tenutosi ieri sera all’Hotel Dante di Cervia, il dibattito è stato trasmesso anche in diretta streaming e dal video qui sopra è possibile riguardarlo.

Hanno partecipato al dibattito Alice Buonguerrieri (Fratelli d’Italia), Marco Croatti (Movimento 5 Stelle), Massimo Mallegni (Forza Italia), Giovanni Paglia (Alleanza Verdi-Sinistra), Paolo Ripamonti (Lega) e Manuela Rontini (Partito democratico). Nei panni del moderatore il caporedattore di Mondo Balneare Alex Giuzio, che ha sottoposto una serie di domande specifiche ai candidati, per esempio sul rischio che i cosiddetti “paletti” a favore degli attuali concessionari, in fase di procedura selettiva, possano essere respinti dalla Commissione europea in quanto giudicati dei vantaggi indebiti; o ancora sulle difficoltà, per le amministrazioni comunali, a espletare decine di bandi con poco tempo a disposizione. Senza dimenticare questioni altrettanto importanti come l’erosione costiera, che minaccia la scomparsa delle attuali imprese balneari alla pari della direttiva Bolkestein, o la quantità di spiagge libere che alcune associazioni ambientaliste chiedono di aumentare.

Gli sfidanti sono stati invitati a rispondere alle stesse domande con il medesimo tempo a disposizione, contribuendo a costruire un dibattito equilibrato e completo, seguito in presenza dagli imprenditori balneari del territorio e in diretta streaming dagli operatori del resto d’Italia. Presenti in sala anche l’assessore regionale al turismo Andrea Corsini, che ha pronunciato un saluto iniziale, il sindaco di Cervia Massimo Medri e i rappresentanti di alcune associazioni di categoria locali e nazionali. Già nel 2018, in occasione delle precedenti elezioni nazionali, Mondo Balneare e Cooperativa Spiagge Ravenna avevano organizzato un analogo dibattito, facendo emergere le posizioni dei vari partiti che fecero da base per i successivi negoziati sulla riforma delle concessioni. E anche ieri sera, i contenuti emersi hanno dato un’idea sull’orientamento dei partiti che dovranno occuparsi di redigere il decreto attuativo sulla riforma avviata dal governo Draghi con la legge sulla concorrenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Per sicurezza voteró Giorgia, cappello al rappresentante della sinistra,per i contenuti dei suoi interventi.(ovviamente non al PD) ma Citando chi é il verbo su queste chat, il processo che ha portato alla legge é stato perfettamente democratico.Io sto ascoltando le dichiarazioni: non ci sono le aste, ci sarà il valore di azienda, nella sua totalità. é stata votata una legge che permetterà tutte queste cose e che tutti i partiti sono favorevoli alla tutela assoluta di questi concessionari.
    Rispetto alla visione dei proaste, che vogliono espropriare le aziende, alcuni di loro esimi avvocati del settore, capisco la loro voglia di cambiare mestiere, come avvocati e analisti della situazione sembrerebbero dei falliti frustrati, così gli stanno spiegando questi politici condividendo il mio pensiero. Aspetto lumi.

    • Nikolaus Suck says:

      Ci sono pochi lumi da dare. Non a caso loro fanno i politici, e noi gli avvocati. Se ritieni di fidarti più dei primi perché ti piace quello che dicono (oltre tutto dopo quello che è successo e come è successo), accomodati. Ti qualifica al pari del tuo voto. Ma già non avevo dubbi.

      • suck tu hai paura che i nostri milioni di voti vadano a giorgia che ha apertamente dichiarato che vuole tutelarci…come giustamente hai detto …… tu fai
        l avvocato e il governo scelto dai cittadini fa il governo…e c e anche la possibilita che abbia maggioranza assoluta …..non ti basta che i tuoi amici abbiano distrutto e fatto fallire centinaia di aziende con i cari bolletta? grazie a draghi 5m e pd compreso berlusca e salvini…..draghi e’ stato messo li di proposito ….basta leggere le sue dichiarazioni al club dei 30….la morte delle nostre aziende era un piano annunciato….parla di questo oppure dello schifo del ponte morandi notizia di qualche giorno fa…e la magistratura d accordo con quegli assassini….ti sembra che quello che dici tu e tuoi amici sul portale sia argomento utile all italia? fate pena

      • Sarebbe molto interessante conoscere il curriculum dell’avv. Suck, possibilmente le cause da lui vinte ed ovviamente quelle perse. Nello stesso tempo, ci sarebbe da chiedersi, se l’ordine stesso degli avvocati, approvi il suo “operato”, con un impegno lavorativo senza eguali, apparentemente a titolo gratuito, su questa piattaforma.

        • Non mi sembra che abbia fatto altro che scrivere concetti che tu stesso potresti leggere dalle fonti che cita ogni volta, se non fossi accecato dalla cattiveria e dalla malignità.
          Concetti a cui spesso ha avuto risposta in forma di insulti e minacce.

          • Falso, il primo “buffone”, me lo sono beccato da lui, senza che il sottoscritto avesse mai usato lo stesso linguaggio.(verificabile).

        • Nikolaus Suck says:

          1) Il mio curriculum è on line; 2) Sono qui da privato cittadino; 3) Prova a fare un esposto al mio Ordine e fammi sapere se e cosa ti rispondono, sarà divertente. Ancora più del tuo commento!

      • il punto che noto é che il loro pensiero é trasversale, un po’ come Meloni e Fassina in riferimento alla bolkestain .Quando gli estremi convergono credo che politicamente conviene fare una riflessione, al di là di come poi tecnicamente dovranno procedere per rispettare le leggi, il fatto che il pensiero sia unico su certi argomenti vuol dire che si é toccato il fondo .E la soluzione tendenzialmente univoca.
        É perché la PORCATA non restasse un incompiuta che si voleva correre ai decreti prima che potesse metterci mano qualcuno democraticamente eletto.

  2. Esatto votiamo tutti compatti giorgia, ma e’ la stessa che ha recepito la bolkestein?
    Ragazzi ci sarebbe da ridere ,se nin fosse per l assoluta sciatteria del panorama politico

    • Nikolaus Suck says:

      Certo, soprattutto in campagna elettorale. Ma poi l’avvocato perché e per cosa dovrebbe “rosicare”, di grazia? Le concessioni non erano tutte lacrime, sudore e sangue?

  3. Notizia di 1 ora fa: Governo convova il preconsiglio dei ministri, per decreto attuativo sui balneari.
    Udite udite: sembra che avra’ oggetto solo la mappatura.

    Sara’ l ennesima supercazzola? 😉

    • carlo questa e’ la prova della malafede di questa gente non eletta che sta svendendo il nostro paese senza avere un consenso popolare …..criminali e’ dir poco…. e in piu’ a una settimana dalla elezioni……pagliacci avete rotto i c…….ni …lasciate che sia il popolo italiano a decidere chi deve governate e non voi sciacalli mai eletti…non siete capaci di dare un tetto al prezzo del gas facendo fallire migliaia d imprese e volete fare decreti attuativi di una cosi rilevante importanza per milioni di lavoratori? andate via …..

    • Dopo aver seguito il dibattito, a qualcuno forse, non è ancora chiaro quali sono state è ancora permangono, le varie “posizioni” di chi ha voluto mettercelo a quel posto compromettendo anche gli interessi della Nazione) di chi, si, ha tentato di salvaguardarci, ma che si è fatto in qualche modo “condizionare”? Il farfugliare di Croatti di cinquestalle, partito ormai alla deriva, tra i principali artefici assieme a Draghi, della “FORZATURA” (come giustamente ha detto Alice BUONGUERRIERI) con il consenso di Bruxelles, l’ipocrisia di chi, sostiene ancora in maniera vergognosa, il vincolo dei balneari al PNRR come la rappresentante del PD Rontini, senza parlare di Paglia, rappresentante dei Verdi, che erano un tutt’uno con i pentastellati di Croatti. C’è per caso qualcuno, invece, che vuole mettere in dubbio, la linearità, la logica, il buon senso, là razionalità, LA COERENZA di GIORGIA MELONI e di tutto il suo partito, come ha ben evidenziato chiaramente e fedelmente ALICE BUONGUERRIERI di FDL? Signori, cerchiamo di salvare l’Italia dalle grinfie dell’Europa, del mondo, e da molti “sfigati”, invidiosi, nullafacenti italiani..

  4. Penso che bisognerebbe ringraziare lavv. Suck per le sue puntuali ed approfondite riflessioni e, soprattutto, l’onestà nel metterci la faccia. Non mi sembra si possa dire lo stesso di chi lo offende. Ciò precisato, ritengo inaccettabile che un concessionario, dopo tanti sacrifici e spese, possa andarsene con una mano avanti e una indietro. Il riconoscimento del valore aziendale, che dovrà essere corrisposto dal subentrante, gli va riconosciuto.

  5. Io temo invece che il nostro amarissimo futuro sia già stato scritto nelle segrete stanze…. I tassisti pensano di averla sfangata ma mamma Europa vorrà anche le loro teste… Prevedo che lo prenderemo in saccoccia…e pure di brutto !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.