Liguria

Estate 2020, Liguria posticipa obbligo di apertura spiagge al 15 giugno

I balneari avranno due settimane in più per allestire in seguito al lockdown. Applicato il distanziamento minimo di 10 mq per ombrellone previsto dal protocollo nazionale.

La Regione Liguria ha emesso la sua ordinanza per regolamentare le norme di contenimento sanitario da seguire negli stabilimenti balneari e nelle spiagge libere per evitare il contagio da coronavirus. Con l’ordinanza n. 30/2020, il governatore Giovanni Toti si è limitato ad applicare le linee guida elaborate venerdì scorso dalla Conferenza delle Regioni con il via libera del governo.

Per quanto riguarda la data di apertura, invece, l’ordinanza afferma che «per la sola stagione balneare 2020, al fine di concedere ai concessionari demaniali il tempo necessario per l’allestimento delle attrezzature balneari, l’obbligo di apertura al 1° giugno, per gli stabilimenti balneari e le spiagge libere attrezzate, è posticipato al 15 giugno».

giochi festopolis

In Liguria non sono state adottate misure più restrittive rispetto alle linee guida nazionali, come hanno fatto invece Marche, Emilia-Romagna e Abruzzo. L’ordinanza n. 30/2020, infatti, rimanda direttamente al protocollo della Conferenza delle Regioni, che prevede tra l’altro un’area minima di 10 metri quadrati per ogni ombrellone (i metri lineari sono a discrezione del singolo concessionario, a patto di garantire i 10 mq), la sanificazione quotidiana delle attrezzature e la delimitazione di percorsi riservati per l’ingresso e l’uscita. D’altronde, se per esempio gli ampi litorali della riviera romagnola hanno potuto consentire di applicare un maggiore distanziamento minimo di 12 metri quadri senza determinare un’eccessiva perdita di ombrelloni per gli stabilimenti balneari, la Liguria al contrario è caratterizzata da spiagge così ridotte che già l’area minima di 10 metri quadri metterà in difficoltà svariate imprese sulla spiaggia.

L’ordinanza n. 30/2020 è disponibile sul sito della Regione Liguria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale di riferimento per il settore turistico balneare.
Seguilo sui social:
  1. Avatar

    Spiagge demaniali pubbliche ovvero di noi tutti dove gli affittuari gestori che si sentono proprietari hanno negli anni fatto più di una rapallizazzione cementizia su migliaia di spiagge demaniali !!! Con il covid 19 si stanno dando ordini di aprire le spiagge in pratica governo e regioni dove però i bagnini e altri lavoratori sono senza test tampone ,senza i DPI senza corsi sulla sicurezza sul lavoro e in particolare sul coronavirus !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *