Veneto

Eraclea Beach non teme la Bolkestein: al via riqualificazione da 1,2 milioni di euro

Presentato il progetto che coinvolge un'area demaniale di 25 mila metri quadrati: al centro ecosostenibilità, inclusività e opere pubbliche

Un progetto di riqualificazione dell’arenile che porterà lustro a Eraclea Mare, con vantaggi alla collettività e senza temere la Bolkestein. È stato presentato al Mariclea Club, alla presenza degli assessori al turismo Federico Caner e al demanio Francesco Calzavara, oltre al sindaco di Eraclea Nadia Zanchin, il progetto di riqualificazione degli stabilimenti balneari gestiti dalla società Eraclea Beach srl. Si tratta di un’area di 25 mila metri quadrati, capace di vedere collocati un migliaio di ombrelloni (circa 700 in questo periodo di emergenza sanitaria, con le piazzole collocate con un distanziamento di 20,5 metri quadrati). Diventerà una spiaggia moderna, naturalmente inclusiva e sicura, godendo anche della certificazione Ecolabel.

L’intervento, unico nel suo genere, sarà di 1,2 milioni di euro, 400 mila circa dei quali saranno destinati alla realizzazione di opere pubbliche. L’accordo prevede che le opere siano realizzate entro i tre anni; i gestori dell’area hanno deciso, per dare un segnale di rilancio in questi momenti di difficoltà, di effettuare già un primo intervento entro quest’estate.

Tra le opere previste, dune e irrigazione con raccolta di acqua piovana per la sostenibilità ambientale; riammodernamento del parco attrezzature; suddivisione delle aree family e giovani, ognuna delle quali avrà una sua piscina; nuovi bagni di ultima generazione (quattro dei quali saranno auto pulenti e auto sanificanti). Inoltre, come opere pubbliche figurano il ripascimento dopo le mareggiate; una nuova piazzola di ingresso da via Marinella; la manutenzione e illuminazione della muretta fronte mare, con installazione di un sistema di video sorveglianza.

«È l’intervento del privato con una ricaduta importante sulla località, con interventi di pubblico interesse», ha commentato Alessandro Berton, gestore dell’area interessata dall’intervento. «È anche un segnale importante per dimostrare come si possa e si debba credere e investire in questa località. Infatti si tratta di una riqualificazione con una prospettiva di crescita».

Una progettualità resa possibile dalla riassegnazione della concessione alla Eraclea Beach srl, attraverso una legge regionale. «Grazie a questa – continua Berton – siamo gli unici in Italia, assieme a Bibione, a non temere le conseguenze della direttiva Bolkestein. Grazie, infatti, alla riassegnazione della concessione, la stessa risulta come nuova e per questo non più interessata dalla direttiva europea».

Come sottolinea il sindaco di Eraclea Nadia Zanchin, si tratta di «un intervento di straordinaria importanza, perfettamente in linea con quelle che sono le strategie dell’amministrazione comunale per rafforzare il posizionamento del territorio nell’ottica di un’offerta turistica che punta anche ad un costante miglioramento dei servizi offerti. Quando parliamo di valori come riqualificazione e sostenibilità ambientale – che comprendono anche opere pubbliche sul fronte del ripascimento, della manutenzione del territorio e della video sorveglianza – è evidente il riferimento alla crescita del territorio in una prospettiva di medio termine. Per Eraclea, la riqualificazione dell’arenile è una priorità: per questo voglio ringraziare, a nome della città e dei cittadini, tutte le parti coinvolte nel progetto. Come amministrazione comunale siamo presenti e faremo sicuramente la nostra parte».

Anche secondo l’assessore al turismo della Regione Veneto Federico Caner, «è importante il progetto portato avanti a Eraclea Mare. Il messaggio che parte da qua, del fare squadra, è fondamentale: questa è innovazione del territorio. E da sottolineare l’attenzione ai servizi e alla inclusività, in una costa che è la più inclusiva d’Italia. Ora pensiamo a fare una promozione adeguata, dicendo innanzitutto che siamo aperti e lo siamo in sicurezza».

Sottolinea infine l’assessore al demanio della Regione Veneto Francesco Calzavara: «Arrivare oggi finalmente con una notizia positiva è la dimostrazione che a Eraclea è tornata la normalità. Ricordiamo che è una delle località che, nel corso dei prossimi anni, avrà il maggiore sviluppo, che inevitabilmente cambierà lo scenario. Dimostrare che con coraggio si possa arrivare a delle progettualità, è un importante messaggio; dimostra che siamo capaci di amministrare e di progettare e dare una prospettiva di rilancio della località, che darà moltissime opportunità nel futuro. I cittadini e gli imprenditori di Eraclea se lo meritano. La cosa che mi ha colpita di questa presentazione è che non si è parlato di ombrelloni, ma della qualità dei servizi. Il futuro che dovremo cercare di percorrere nelle varie spiagge del nostro Veneto, è di una proposta nuova. I bisogni che abbiamo oggi per essere concorrenziali a livello internazionali li abbiamo visti oggi: grande attenzione alla sostenibilità, grande attenzione ai servizi, la capacità di offrire una pluralità di servizi».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: