Attualità Cna Balneari

Emendamenti DDL balneari, Cna: ”Legittimo affidamento resta in piedi”

Sarà votata martedì la proposta che riguarda il periodo transitorio. Tomei: ''Importante risultato''.

«Gli emendamenti al disegno di legge sulle concessioni balneari che riguardano il legittimo affidamento non sono stati respinti, ma risultano ancora accantonati e saranno votati martedì prossimo». A precisarlo è Cna Balneatori, riprendendo la notizia già diffusa stamane da Mondo Balneare.

Nella seduta di ieri pomeriggio, le commissioni VI e X della Camera dei deputati – che stanno esaminando il testo – hanno infatti bocciato solo gli emendamenti soppressivi presentati dall’opposizione (cioè quelli che chiedevano proroghe di 50 anni, sdemanializzazione o stralcio completo del ddl governativo), mentre gli emendamenti della maggioranza – tra cui quello che intende legare il periodo transitorio al legittimo affidamento – sono in fase di riformulazione e il loro voto è in calendario per il 19 settembre. Una prima versione di questi emendamenti era stata anticipata lo scorso 29 luglio da Mondo Balneare (vedi articolo), ma tali stesure sarebbero ancora in fase di perfezionamento prima dell’eventuale approvazione, che appare molto probabile dal momento che sono state presentate dai relatori e dai deputati di maggioranza.

Come precisano gli uffici Legislativo e Relazioni istituzionali di Cna, «restano accantonati tutti gli altri emendamenti, tra i quali quelli suggeriti da Cna: 1.23. Marco Di Maio (PD), 1.24. Moretto (PD), 1.25. Abrignani (SC), 1.26. Melilli (PD), 1.28. Fauttilli (DS) e 1.101. Fauttilli (DS), che introducono un adeguato periodo transitorio per l’applicazione della disciplina di riordino della disciplina e riconoscono il legittimo affidamento delle imprese balneari».

Cna ci ha inviato un dossier completo su tutti gli emendamenti respinti, quelli ritirati e quelli accantonati, che è possibile consultare cliccando qui.

Questo il commento di Cristiano Tomei, coordinatore Cna Balneatori: «Gli emendamenti proposti da Cna sono ancora in piedi e questo è merito dell’autorevole documentazione giuridica e sindacale che abbiamo fornito all’esame delle commissioni. In particolare, il legittimo affidamento è fondamentale per giustificare un lungo periodo transitorio che ci introduca al doppio binario (evidenze pubbliche solo per le nuove concessioni), al riconoscimento del valore d’impresa e all’evitare le gare per le attuali imprese balneari, che comporterebbero la liquidazione del sistema turistico costiero italiano. Di tutti questi temi discuteremo all’assemblea nazionale di Cna Balneatori, in programma la mattina del 13 ottobre al Sun di Rimini: si tratterà di un momento fondamentale, perché tutte le imprese presenti potranno votare un documento che sarà messo subito all’attenzione dei rappresentanti istituzionali presenti, tra cui il deputato Tiziano Arlotti (Pd), relatore del ddl; il senatore Gian Marco Centinaio (Lega Nord) e l’on. Federico Massa (Pd). Perciò il mio appello è alla massima partecipazione per difendere un comparto economico fondamentale per il Pil italiano».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: