Basilicata Confartigianato Imprese Demaniali

Confartigianato Imprese Demaniali, Basilicata nel direttivo nazionale

La nuova associazione ha eletto tra i consiglieri il lucano Pasquale Faraco

Nel direttivo della nuova Confartigianato Imprese Demaniali entra anche la Basilicata, appena costituita per la rappresentanza delle imprese del settore balneare che operano in regime di concessione demaniale. L’assemblea costitutiva della nuova associazione, svoltasi la scorsa settimana a Rimini nel corso della fiera di settore Sun Beach & Outdoor, ha eletto nella presidenza nazionale Mauro Vanni, mentre per la Basilicata sarà Pasquale Faraco ad affiancare il neo-presidente, assieme agli altri consiglieri eletti Mauro Mandolini (Marche), Marco Pardi (Toscana) e Giovanni Canale (Liguria).

Secondo Faraco, si tratta di «un’elezione che testimonia la validità dell’azione portata avanti per il comparto dalla nostra associazione, grazie a una rappresentanza forte e di valore. Auguro un buon lavoro a tutto il direttivo e rinnovo i complimenti per il nuovo incarico al neoeletto presidente Mauro Vanni».

Confartigianato Imprese Demaniali ha indicato il programma di lavoro per garantire la tutela degli interessi della categoria, da tempo costretta a combattere per i propri diritti a fronte di norme troppo spesso contraddittorie e mai definitive. La nuova associazione, sottolinea Faraco, «sarà in prima linea a tutela degli operatori balneari lucani, che hanno bisogno di certezza per programmare il lavoro e gli investimenti, e il primo obiettivo sarà il rilascio dei titoli di estensione al 2033 come previsto dalla legge nazionale 145/2018 in vigore ed esecutiva da oltre due anni. Non è possibile che la Regione Basilicata resti ferma al palo, mentre le imprese balneari nelle regioni e nei comuni confinanti possono già beneficiare della proroga delle concessioni demaniali marittime al 2033 e possono fare investimenti e accedere a mutui bancari e alle varie forme di credito previste da norme nazionali e regionali. Il lavoro in tutte le sue varie forme è un diritto scritto nei principi inviolabili della nostra costituzione, che nessuno può ledere».

Conclude Faraco: «Lasciare decidere alla magistratura è un esempio di un indiscutibile alibi. Questo modo di fare della Regione sembra nascondere ambiguità, oppure il governatore della Basilicata non ha le competenze richieste dal ruolo che ricopre? Siamo tutti uguali davanti alla legge, ma non davanti agli incaricati di applicarla».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.