Emilia-Romagna Notizie locali Sindacati e associazioni

Concessioni all’asta, i ristoratori di Riccione contro la provincia

Il commento dell'Associazione bar e ristoranti di spiaggia di Riccione contro la bozza di ordine del giorno approvata dalla Provincia di Rimini per dire sì alle evidenze pubbliche

Il consiglio di commissione della Provincia di Rimini ha approvato due giorni fa una bozza di ordine del giorno per delineare una linea a favore delle evidenze pubbliche delle concessioni demaniali marittime (vedi notizia).

Di seguito il commento di Ezio Filipucci (nella foto), presidente dell’Associazione bar e ristoranti di spiaggia di Riccione. 

«L’ipocrisia della politica ha fatto il suo tempo. Non crediamo più a chi dice di voler difendere il sistema balneare e le famiglie che l’hanno creato, e poi non provano neanche a sostenere una soluzione compatibile con la direttiva europea ma che eviti le evidenze. E questo dopo che anche il ministro agli affari europei Milanesi ha riconosciuto, lo scorso 4 aprile, che la situazione in cui ci troviamo è stata causata dal governo precedente in fase di attuazione della direttiva, e che questa soluzione – seppure ardua – è possibile».

«Noi imprenditori non siamo disposti a pagare per gli errori della politica. Ora è chiaro che la Provincia di Rimini ha deciso per l’esproprio delle imprese presenti sul demanio, un esproprio che contrasteremo con tutti i mezzi giuridici che la legge mette a disposizione a imprenditori, lavoratori e cittadini italiani ed europei».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Avatar

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale di riferimento per il settore turistico balneare.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *