Attualità Cna Balneari Sindacati e associazioni

Cna Balneatori scrive al ministro Fitto

Lettera aperta del coordinatori Cristiano Tomei per discutere sulle concessioni demaniali

Roma, 20 gennaio 2011

al Ministro Affari Regionali ed Autonomie Locali (Via della Stamperia, 8 00187 ROMA)

p. c.: Segreteria Conferenza Stato/Regioni

– – –

Caro Ministro,

in ordine alla procedura di infrazione a suo tempo avviata dall’Unione Europea nei confronti dell’Italia, è prioritario ed urgente che vengano approvati dal Parlamento i provvedimenti necessari al fine di giungere finalmente all’archiviazione. Il testo della Bozza di Intesa concernente i criteri e modalità di affidamento delle concessioni demaniali marittime turistico – ricreative, predisposta da codesto Ministero, di concerto con gli altri Ministeri competenti, pur non raccogliendo tutti i punti del Documento Unitario siglato il 21 novembre 2010, può considerarsi la base per ogni possibile intesa, anche in riferimento alla futura predisposizione di una legge quadro. Tale strumento normativo dovrebbe armonizzare eventuali successivi interventi legislativi da parte delle Regioni, al fine di evitare disomogeneità normative sul territorio nazionale. Permangono altre fondamentali questioni parimenti rilevanti per la categoria, contenute nel predetto documento unitario, che necessitano di essere affrontate e risolte con l’istituzione di un Tavolo di lavoro comune e attraverso una forma legislativa semplice e di ampio respiro. Pertanto la scrivente Associazione richiede che il percorso istituzionale possa raccogliere e dare assicurazioni riguardo anche ai contenuti indicati nel suddetto Documento Unitario non ancora accolti , con l’obiettivo di favorire la massima collaborazione con le Regioni e le istanze di cui esse si faranno portatrici. A tal proposito chiede un incontro a breve.

Cordiali saluti.

Cristiano Tomei (Coordinatore Nazionale Cna Balneatori)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Cna Balneari

Cna Balneari è la sezione di Cna (Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa) che associa i titolari di stabilimenti balneari.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.