Attualità Emilia-Romagna

Cervia, spiagge aperte tutto l’anno e libero accesso ai cani

I contenuti della nuova ordinanza balneare estendono le possibilità di apertura agli stabilimenti.

Stabilimenti balneari aperti tutto l’anno e libero accesso dei cani alla spiaggia. Sono i principali contenuti della nuova ordinanza balneare di Cervia, che rispetto alla norma 1/2018 della Regione Emilia-Romagna estende addirittura la durata della stagione estiva. Se infatti l’ordinanza regionale definisce la “stagione balneare estiva” nel periodo compreso tra il 13 aprile e il 28 ottobre 2018 e la “stagione balneare invernale” nel resto dell’anno, il Comune di Cervia ha scelto di aprire la stagione estiva al 30 marzo per offrire ai turisti più servizi anche per Pasqua.

Libero accesso ai cani

La novità più rilevante è però nella disciplina per l’accesso degli animali all’arenile. A Cervia come in molti altri Comuni costieri, infatti, durante l’estate di norma è sempre stato vietato l’ingresso di qualsiasi animale domestico (tranne i cani di salvamento e i cani-guida dei non vedenti), mentre da quest’anno, secondo l’ordinanza firmata ieri dal sindaco Luca Coffari, dalle ore 6 alle ore 8 e dalle ore 21.30 alle ore 24 sarà consentito, tramite le apposite passerelle e pedane di raccordo, l’accesso dei cani esclusivamente sulla battigia e nello specchio acqueo, purché in regola con tutte le prescrizioni e purché non pericolosi e arrecanti disturbo alla quiete pubblica. I titolari degli stabilimenti balneari possono inoltre individuare aree debitamente attrezzate, delimitate e riservate, per l’accoglienza di animali domestici, salvaguardando comunque l’incolumità e la tranquillità dei bagnanti. Nella“stagione balneare invernale, invece, l’accesso dei cani è consentito senza limitazioni di orario nel rispetto delle stesse norme regolamentari.

La stagione balneare estiva

Per quanto riguarda i giorni e gli orari di apertura, gli stabilimenti balneari del Comune di Cervia almeno nei mesi di giugno, luglio e agosto devono restare aperti tutti i giorni con orario minimo fissato dalle ore 7.30 alle 19, con possibilità di prolungamento di orario dalle 6 alle 24, ma con termine della musica e rumori alle ore 23. Per i grandi eventi della Notte Rosa, di San Lorenzo e di Ferragosto, la chiusura è prorogata alle ore 3 del giorno successivo e alle ore 3.30, con spegnimento graduale degli impianti di diffusione a partire dalle ore 3, se si tratta di stabilimenti dotati di fonometro.

Durante la stagione balneare estiva, tutti i varchi a mare devono restare aperti al pubblico. È vietato l’accesso in spiaggia dall’una alle cinque del mattino, eccetto nelle serate di apertura degli stabilimenti balneari oltre le ore 24. La zona di mare per la balneazione è fino a 300 metri di distanza dalla riva. Tra il 26 maggio e il 9 settembre 2018 è garantito il servizio di soccorso e salvataggio.

Contrasto all’abusivismo commerciale

Proseguono inoltre le efficaci attività di contrasto all’abusivismo commerciale che hanno portato Cervia alle cronache nazionali la scorsa estate. Come previsto dal protocollo d’intesa definito tra la Prefettura di Ravenna, le forze dell’ordine, il Comune di Cervia, la Cooperativa Bagnini di Cervia e le associazioni di categoria, vige il divieto di contrattazione e acquisto di merce borse, teli, fiori, braccialetti, occhiali, eccetera) o servizi (massaggi, treccine o altri trattamenti), con sanzione educativa di 25 euro.

I concessionari degli stabilimenti devono presidiare e monitorare le aree in concessione, affinché non siano utilizzate a deposito/vendita di merce, anche se non contraffatta, da parte di soggetti non autorizzati e in caso di rinvenimento viene applicata una multa da un minimo di 500 a un massimo di 3.000 euro; inoltre dovranno installare all’inizio della passerella che conduce al mare, l’apposito cartello fornito dalla Cooperativa Bagnini e dal Comune recante l’informativa riguardo il divieto di acquisto di prodotti o servizi da soggetti non autorizzati.

Il “mare d’inverno”

L’ordinanza balneare di Cervia lascia la libera facoltà agli stabilimenti di restare aperti al pubblico tutti i giorni, festivi compresi, a partire dalle ore 9 fino alle 24, e addirittura fino alle ore 3 se aderiscono con iniziative sportive, culturali, ludiche, di intrattenimento al programma “mare d’inverno” e se sono dotati di fonometro. Per quanto riguarda la musica, in ogni caso, lo svolgimento dell’attività di diffusione sonora dovrà essere conforme alla specifica regolamentazione prevista dalle Ordinanze comunali emanate in materia e non potrà costituire, specie nelle ore serali, l’attività prevalente dello stabilimento. 

Anche se gli stabilimenti balneari non partecipano al programma “mare d’inverno”, devono comunque essere individuati almeno 71 varchi a mare aperti, in modo da garantire l’accesso all’arenile.

Nel periodo compreso tra il 30 marzo e il 12 aprile e tra il 28 ottobre e l’11 novembre 2018, gli stabilimenti balneari possono aprire al pubblico fino alle ore 24 anche in assenza di progetti e iniziative legate al programma “mare d’inverno”, qualora l’apertura garantisca la piena funzionalità dello stabilimento balneare e l’erogazione di tutti i servizi di spiaggia. Infine, nel periodo compreso tra il 15 e il 31 ottobre 2018, in cui viene realizzata la duna invernale, gli stabilimenti possono restare aperti al pubblico a condizione che le aree in concessione e quelle antistanti siano libere da altri mezzi che possano intralciare la creazione della duna.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: