Lazio

Balneari, mozione Forza Italia per chiedere certezze al settore

Il testo è stato presentato nel consiglio regionale del Lazio

Il gruppo consiliare di Forza Italia Lazio ha presentato lo scorso venerdì in consiglio regionale una mozione, a prima firma del consigliere Cosmo Mitrano e sottoscritta anche dai consiglieri Nazzareno Neri e Angelo Tripodi, con la quale si chiede all’aula di impegnare il presidente della Regione Lazio Francesco Rocca e la giunta a supportare chi opera sul demanio marittimo, lacuale e fluviale, sollecitando le istituzioni nazionali, nella Conferenza Stato-Regioni, affinché sia data il prima possibile certezza normativa al settore.

Nel merito, si legge nel testo, Forza Italia chiede che «il tavolo tecnico organizzato dal governo velocizzi i lavori di mappatura delle concessioni demaniali per stabilire se sussista o meno la scarsità della risorsa e consentire così alle imprese di sapere se possono programmare la futura stagione balneare con interventi strutturali e investimenti». Laddove venisse determinata l’effettiva scarsità della risorsa naturale disponibile, prosegue la nota, «chiediamo che la Regione promuova, alle istituzioni nazionali, la possibilità di estendere i termini della concessione fino al 31 dicembre del 2025, visto che i tempi per le eventuali successive procedure di gara rischierebbero di dilungarsi fino all’attuale scadenza delle concessioni, fissata la 31 dicembre di quest’anno. Si permetterebbe così una gestione ottimale del demanio».

Commentano in una nota i consiglieri azzurri Mitrano, Neri e Tripodi: «Forza Italia sostiene gli operatori balneari per difendere le imprese italiane. Nei nostri stabilimenti ci sono decenni di lavoro e la storia di generazioni di famiglie che hanno fatto impresa e turismo in Italia. Parliamo di un segmento su cui si basa una parte importante dell’offerta turistica, fondamentale per l’economia della nostra regione e, in generale, di tutto il paese». Inoltre, sottolineano i consiglieri di Forza Italia, «nel rispetto del lavoro svolto e degli investimenti effettuati, è fondamentale che venga riconosciuto, nella eventuale disciplina delle procedure di evidenza pubblica, tra i criteri per l’assegnazione delle concessioni, il valore di mercato dell’azienda creata dal concessionario uscente, che tenga conto dell’avviamento, degli investimenti effettuati, dei beni materiali e immateriali, della remunerazione del capitale investito, da porre a carico del concessionario entrante e in favore di quello uscente».

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: