Basilicata Federbalneari

Balneari lucani oggi in protesta davanti alla Regione Basilicata

L'associazione Federbalneari chiede il rilascio dell'estensione al 2033, prevista dalla legge nazionale

Federbalneari Basilicata ha convocato per questa mattina una manifestazione di protesta davanti al palazzo della Regione, che non ha ancora provveduto a estendere le concessioni demaniali marittime fino al 2033 secondo quanto previsto dalla legge nazionale 145/2018.

«Il governatore della Basilicata Vito Bardi e l’assessore Donatella Merra sono inerti e incapaci: manca poco allo scadere delle concessioni balneari e senza il differimento dei titoli al 31 dicembre 2033, lasciano morire le imprese balneari della Basilicata», denuncia Pasquale Faraco, presidente di Federbalneari Basilicata. «Questo sarebbe già grave a prescindere, ma è ancora più ignobile durante l’emergenza del Covid-19. Tra le difficoltà di crisi economica e di rispetto delle norme di sicurezza, gli operatori balneari hanno lavorato con sacrificio e rispetto, contribuendo a mantenere in piedi il tessuto socio-economico di questa regione nonostante la pandemia».

«I balneari lucani dicono basta all’amministrazione regionale e al governatore Bardi, che con questo lassismo e incapacità nel mancato differimento delle concessioni demaniali marittime in Basilicata, previsto da ben due leggi dello Stato e dalla delibera regionale n. 155 del 25 febbraio 2019 di recepimento alla legge 145/2018, non sono in grado di far funzionare un ufficio regionale del demanio marittimo», conclude l’associazione. «Con molto rammarico e delusione, oggi dalle ore 10 per avere un nostro diritto siamo costretti a manifestare a oltranza in riunione statica davanti alla Regione Basilicata di Potenza».

© Riproduzione Riservata

Federbalneari Italia

Federbalneari Italia è un'associazione di categoria che riunisce le imprese del turismo balneare italiano.
Seguilo sui social: