Marche

Balneari, Castelli: “Regione Marche contraria a direttiva Bolkestein”

L'assessore al demanio lo ha detto nel corso di una conferenza organizzata da Cna

«La Regione Marche è contraria alla direttiva Bolkestein ed è fieramente in difesa dei diritti dei concessionari locali che operano lungo ben 174 chilometri di costa adriatica. Non si tratta di una posizione radicale o ideologica o per partito preso, bensì è frutto di un sincero e assoluto convincimento condiviso con un comparto fondamentale quanto primario per l’economia regionale. Un segmento produttivo identificativo delle eccellenze della nostra riviera, che potrebbe di fatto subire gravissime conseguenze dall’applicazione della direttiva». Questo, in sintesi, è quanto ha ribadito l’assessore regionale al demanio delle Marche Guido Castelli nel corso di un dibattito organizzato da Cna Balneari venerdì scorso a Senigallia, che ha visto la partecipazione di numerosi parlamentari, rappresentanti di categoria, amministratori e imprenditori del settore.

«La linea di contrastare, nelle sedi dovute, la direttiva è certamente quella adottata, fin dal suo insediamento, dall’amministrazione guidata dal presidente Francesco Acquaroli che non lascerà nulla di intentato, ma anzi che farà di tutto per dare risonanza e accendere riflettori sulle criticità di questo indirizzo preso dall’alto», prosegue Castelli.

«Siamo fortemente convinti che la direttiva non si attagli minimamente con la storia e con la grande tradizione balneare della nostra regione che, da sempre, è sinonimo di accoglienza, saper fare e ospitalità incarnate pienamente nell’opera dei suoi infaticabili rappresentanti», conclude l’assessore.

© Riproduzione Riservata

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social: