Federbalneari

“Associazioni balneari restino unite e senza personalismi”

Maurelli (Federbalneari): "Lavoro di squadra fondamentale per tutelare il turismo italiano"

«L’unità di tutte le associazioni che rappresentano i balneari italiani è imprescindibile per affrontare nel migliore dei modi il tavolo tecnico sul tema delle concessioni demaniali». È il monito che arriva da Marco Maurelli, presidente di Federbalneari Italia, che sottolinea come «coesione e responsabilità siano la sola via percorribile nell’interesse dell’intera categoria e del modello balneare italiano stesso».

«Una realtà – spiega Maurelli – che rappresenta migliaia di imprese, per la gran parte di tradizione familiare, che da decenni dedicano i loro sforzi alla valorizzazione delle spiagge italiane e del turismo made in Italy, un settore trainante dell’economia del mare, oggi destabilizzato da due sentenze del Consiglio di Stato».

«La costituzione di un tavolo tecnico per discutere con il governo il tema delle concessioni balneari è un grande risultato e costituisce un passo avanti», prosegue il presidente di Federbalneari. «Siamo reduci da oltre dieci anni di inadempienze della politica e degli esecutivi che si sono succeduti; ora che abbiamo questa opportunità chiediamo che la discussione di punti vitali per la categoria, imprescindibili per condurci verso la stabilizzazione del sistema balneare italiano, venga fatta nei tempi giusti, senza rischiare che la fretta eccessiva di chiudere la questione porti a risoluzioni non ponderate».

Conclude Maurelli: «È stato condiviso un documento unico sui contenuti da presentare al governo da parte di tutto il mondo balneare italiano e fissare il tavolo tecnico a febbraio, dopo l’elezione del presidente della Repubblica, può concedere più respiro a un processo complesso, che merita una maggiore riflessione. Da parte loro, associazioni e sigle sindacali devono impegnarsi ad abbandonare ogni sterile personalismo e adottare una univoca linea responsabile. Lo dobbiamo alla categoria e alle istituzioni, in palio c’è il futuro delle nostre imprese e del turismo italiano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Federbalneari Italia

Federbalneari Italia è un'associazione di categoria che riunisce le imprese del turismo balneare italiano.
Seguilo sui social:
  1. Da un lato sostenete che occorre andare di fretta per tutelare il comparto dall altro dite esattamente il contrario,ovvero occorre fare le cose senza fretta.

    Quazi quasi penso che sia una strategia per arrivare senza una riforma al 2024 allo scopo di chiedere poi un altra proroghina? 😉 piccola piccola purche sia proroghina
    Petche non ci sono i tempi per i bandi al 2024.
    E allora amdiamo piano piano c e il Presidente della Repubblica
    Poi ci saranno l elezioni
    Poi ancora il nuovo parlamento
    Poi c e da eleggere il parlamentari europei

    Ma sono io in malafede

    • Assolutamente si , sono in vendita molte aziende con assegnate concessioni. Come lo abbiamo fatto tutti , abbiamo chiesto, abbiamo trovato un accordo e siamo subentrati pagando il valore di azienda che per noi era giusto. Se l’abbiamo fatto noi lo possono fare tutti. Non è vero che non si può subentrare ad una concessione. Ma come tutte le aziende sono in vendita e tutte hanno un prezzo in base a tanti parametri. Questa è concorrenza. Ma questo vale per tutte le aziende , le aziende che fatturano tanto costano tanto. Perciò la mia domanda è: data la mia premessa che dimostra che il mercato delle spiagge è aperto alla concorrenza (altrimenti io non avrei potuto subentrare) Se le spiagge sono di tutti, cosa vera , ma la gestione e valorizzazione è per pochi, perché sei così interessato a “comprare” la spiaggia? (termine non giusto, perché non si compra la spiaggia che è di tutti , ma si acquista un’azienda ed il proprio avviamento alla quale è stata concessa un utilizzo a fronte di un canone , richiesto e stabilito dallo stato), se tu hai diritto a comprare anche noi abbiamo diritto a restare se rispettiamo le regole e valorizziamo il bene comune… no?? Oppure la speranza è solo aggiudicarsela ad un basso costo perché oggi la volpe non arriva all’uva???

  2. Esatto sono d acccordo ,compro l azienda e quondi anche la spiaggia che e’ sotto, cioe non posso comprare l azienda senza la spiaggia goudto ;)?

    Quindi proponete una proroga ulteriore perche’ adesso non posso comprare in quanto sono tutte scadute le concessioni, come ricorda suck ;))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.