Federbalneari Marche

Alluvione Marche, danni per 700 mila euro a stabilimenti balneari

Le stime di Federbalneari: "Colpiti soprattutto i lidi di Senigallia"

«La recente alluvione che ha messo in ginocchio la parte settentrionale delle Marche ha generato danni per oltre 3 miliardi di euro, soprattutto nella città di Senigallia dove sono state duramente colpite anche le locali attività balneari». Lo dichiara Francesca Rossi, delegata di Federbalneari Marche, in merito al cataclisma che ha colpito la regione la scorsa settimana, provocando anche nove morti.

Secondo le stime di Federbalneari, prosegue Rossi, «i danni agli stabilimenti di Senigallia superano i 700 mila euro e in mare si sono riversati chilometri di detriti che hanno coinvolto principalmente le province di Ancona e Pesaro. Da giorni gli imprenditori balneari sono al lavoro senza sosta per togliere le macerie».

Aggiunge Marco Maurelli, presidente di Federbalneari Italia: «In un momento di crisi economica questa calamità naturale ha colpito al cuore il centro nevralgico del turismo di Senigallia. In questo stato di calamità naturale sarà necessario proseguire con la ricostruzione con procedure normative semplificate. Federbalneari Italia si farà portatrice delle istanze dei concessionari marchigiani sui tavoli di governo e Regione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Federbalneari Italia

Federbalneari Italia è un'associazione di categoria che riunisce le imprese del turismo balneare italiano.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.