Campania

10 nuovi lidi balneari a Ercolano, il bando di gara

Pubblicato l'avviso per affidare le nuove concessioni demaniali marittime entro la prossima estate

Il Comune di Ercolano ha pubblicato il bando di gara per affidare dieci nuove concessioni demaniali marittime al fine di realizzare altrettanti nuovi stabilimenti balneari su scogliere e piattaforme smontabili. Il bando era stato annunciato un anno fa ed è stato pubblicato lo scorso dicembre. Tutti gli interessati hanno tempo fino al prossimo 30 gennaio per partecipare all’evidenza pubblica e le attività potranno essere operative già entro l’estate 2023.

Queste sono le aree messe a bando:

  • tratto di costa dal sottopasso ferroviario di via Achille Consiglio al sottopasso ferroviario di via Macello (220 metri di lunghezza, due concessioni previste);
  • tratto di costa dal sottopasso ferroviario di via Macello al sottopasso ferroviario in corrispondenza della foce dell’Alveo principale di bonifica (360 metri di lunghezza, tre concessioni previste);
  • tratto di costa dal sottopasso ferroviario in corrispondenza della foce dell’Alveo principale di bonifica al sottopasso ferroviario in corrispondenza del Belvedere in prosieguo di via Niglio (210 metri di lunghezza, due concessioni previste);
  • tratto di costa dal Belvedere in prosieguo di via Niglio alla spiaggia libera di Favorita (120 metri di lunghezza, una sola concessione prevista);
  • tratto di costa dal sottopasso ferroviario di via Marittima fino in prossimità della foce dell’Alveo Fiorillo (190 metri di lunghezza, due concessioni previste).

Il bando può essere consultato sull’albo pretorio online del Comune di Ercolano.

Commenta il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto: «La risorsa mare deve rappresentare sempre di più un volano di sviluppo turistico ed economico per la città di Ercolano. Per fare questo, come amministrazione comunale abbiamo puntato fin da subito sul recupero e la riqualificazione del nostro tratto di costa: i lavori di riqualificazione del Molo Borbonico, il progetto di un nuovo waterfront finanziato con fondi del Pnrr e l’individuazione di nuove concessioni balneari rappresentano tutti tasselli di una visione unica. Per questo, di concerto con gli uffici comunali, abbiamo dato seguito al bando pubblico per l’assegnazione di dieci concessioni demaniali marittime per la realizzazione di altrettanti nuovi stabilimenti balneari. Mi auguro che il tutto possa essere fatto in tempi celeri, così da essere pronti per l’estate 2023».

Prosegue Buonajuto: «In questi anni abbiamo lavorato per rendere nuovamente balneabile il nostro tratto di costa e i risultati ci hanno dato ragione. In tanti la scorsa estate hanno potuto constatare effettivamente il miglioramento delle qualità delle acque, ora dobbiamo lavorare per rendere fruibile a quante più persone il nostro mare. Da qui la decisione di procedere con un avviso pubblico per la concessione delle scogliere sulle quali gli operatori economici possono presentare istanza per l’installazione di stabilimenti balneari su piattaforme smontabili».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Teo Romagnoli says:

    Alla faccia della bugia della scarsità delle risorse..Il comune ammesso che riuscirà a fare i bandi nel 2023(dubito) apprenderà che per mettere anche un palo nella sabbia i permessi per i concessionari impiegheranno dai 2 ai 5 anni per essere prima approvati e poi eseguiti, quindi bene avanti ma con meno fretta. Domanda: se non ci sarà sicurezza di continuità chi e quanto si investira? Il meno possibile..Ammenoche non facciano le sedie con i pallet.🤦

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.