Attualità

Stati generali turismo, Nesto (G20 Spiagge) insiste su status città balneare

La coordinatrice del network tra i più importanti Comuni balneari italiani porta avanti la proposta di legge

Anche agli “Stati generali del turismo” in corso ieri e oggi a Chianciano Terme, la coordinatrice del G20 Spiagge Roberta Nesto insiste nella richiesta del riconoscimento dello status giuridico di città balneare, che il network tra i più importanti Comuni balneari italiani porta avanti ormai da tempo attraverso una proposta di legge presentata lo scorso anno. L’evento rappresenta un momento di riflessione sull’evoluzione dell’industria del turismo nazionale, da cui deriveranno indicazioni per le politiche che troveranno spazio nel “Piano strategico del turismo” (PST) che il ministero dovrà presentare entro il termine di quest’anno: si tratta di un documento programmatico particolarmente atteso dagli operatori economici dopo le restrizioni causate dal covid, e che rappresenta l’obiettivo principale degli “Stati generali del turismo” che hanno preso avvio ieri mattina a Chianciano Terme per proseguire fino a oggi.

L’iniziativa, organizzata dal Ministero del turismo in collaborazione con il Comune di Chianciano Terme, vede la partecipazione di tutti i più importanti stakeholder nazionali e internazionali oltre che rappresentanti del mondo scientifico e accademico. I temi affrontati vanno dalla sostenibilità economica e ambientale al complesso mondo del lavoro nel turismo, dalle governance territoriali all’inquadramento normativo europeo, dalla formazione professionale allo sviluppo occupazionale, fino ai nuovi trend di gradimento quali l’outdoor, lo slow tourism, il turismo accessibile e il turismo enogastronomico.

Ed è proprio durante questo importante appuntamento che la coordinatrice del G20 Spiagge Roberta Nesto, in rappresentanza dei 26 Comuni appartenenti al network nazionale, che da soli attraggono 70 milioni di presenze turistiche, il 16% delle presenze turistiche complessive in Italia, ha colto l’occasione per ribadire la richiesta del G20 Spiagge. «Quello di Chianciano è un momento importante in cui portare all’attenzione del ministero tutti i temi che stanno a cuore ai sindaci e alle categorie», spiega Nesto, che oltre a essere coordinatrice del network G20 Spiagge, è anche presidente della Conferenza dei sindaci del litorale veneto e prima cittadina di Cavallino-Treporti. «In particolare, questo è il momento per tornare con forza sul tema che riteniamo fondamentale per la sopravvivenza dei nostri enti, ma soprattutto delle nostre comunità: quello del riconoscimento dello status giuridico di città balneare, che consentirebbe alle amministrazioni una più funzionale gestione della cosa pubblica».

«Abbiamo infatti bisogno di strumenti adeguati – prosegue Nesto – che ci permettano, tra le varie esigenze, di avere più personale per affrontare per esempio le delicate questioni demaniali, o ancora di più forze per la polizia municipale durante il periodo estivo. Se non abbiamo strumenti adeguati rischiamo che il tanto lavoro fatto in questi anni non venga valorizzato. I sindaci hanno bisogno di dare risposte tempestivamente alle richieste di servizi dei residenti e ospiti nei vari temi, dalle infrastrutture, alla sanità, alla sicurezza».

Conclude Nesto: «Ritengo che il momento sia maturo per chiedere con forza di arrivare a questo obiettivo. I tempi sono difficili e la pandemia ci ha messo di fronte all’evidenza delle criticità che i territori sono chiamati ad affrontare. Il turismo, per il Pil che riesce a sviluppare, deve essere tra le priorità del governo e deve essere considerato anche in termini normativi, di risorse e di soluzioni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.