Attualità

Spiagge, incontro Garavaglia-Regioni per discutere futuro concessioni balneari

Il vertice è stato convocato per martedì prossimo su richiesta dell'assessore ligure Marco Scajola

È stato convocato per martedì alle 11.30 un incontro in videoconferenza tra le Regioni e il ministro al turismo Massimo Garavaglia allo scopo di affrontare il problema legato alla sentenza del Consiglio di Stato che ha prorogato fino al 2023 le concessioni balneari. Lo rende noto l’assessore al demanio della Regione Liguria Marco Scajola, coordinatore del tavolo interregionale sul demanio marittimo, che ha richiesto e ottenuto la convocazione dell’incontro d’urgenza.

«La decisione del Consiglio di Stato ha creato preoccupazione nel comparto turistico balneare», spiega Scajola. «L’obiettivo dell’incontro di martedì sarà dunque capire quali potranno essere le azioni che il governo intende intraprendere per affrontare una situazione preoccupante in un comparto che oggi più che mai ha bisogno di certezze e di investimenti».

«Ringrazio il ministro Garavaglia per aver risposto immediatamente alla nostra richiesta di confronto», conclude Scajola. «Come Regioni siamo disponibili a collaborare con il governo per arrivare a una soluzione che dia certezze all’intero settore balneare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Basta cazzate. Il futuro delle concessioni demaniali lo decide il governo in rispetto al diritto della comunità europea, non negli interessi dei balneari e delle 30000 famiglie che ci lavorano e che si sono arricchite per decenni. Inutile far parlare politici di parte e pubblicare articoli inutili.

    • Ma prenditela con le autostrade che ti derubano ogni giorno ed un solo riccastro si mette i soldi in tasca, tra di noi c’è una miriade di gente per bene con piccole concessioni che giusto ci vive. Io ho la concessione da decenni, l’ho sempre tenuta benissimo e non mi sono certo arricchito, anzi, se me la tolgono dovrò trovarmi qualcosa da fare a 65 anni… Non parlare senza sapere…

      • Caro signore all’epoca di 45 anni fa’ , lo stato x fare pulire le spiagge e senza pagare l’operaio ha messo la cosiddetta domandina, che se avevi i requisiti di buon casellario , ti veniva accolta , ok e qui ci troviamo dopo con spese e debiti nostri ha dato.la facoltà di fare delle opere con clausola di una fideiussione assicurativa x sgombrare qualora ci fosse necessità paesaggistica, dopo passava ad ogni struttura ci dava il cosiddetto calmiere ( che si diceva prima, che oggi è il prezzario). Poi assistenza bagnanti LE FORZE DELL’ORDINE COME P.S C.C che facevano i bagnini di salvataggio , poi sono inoltrati GLI ANGELI DEL MARE , poi ci hanno incaricato a noi il BAGNINO DI SALVATAGGIO ogni 80 metri..e tutte le regole che vengono in seguito…..si è capito lo STATO deve fare CASSA e ovvio , però deve fare una classifica di REGIONE A REGIONE , perché oggi si è scoperto il coperchio della pentola , bolle l’acqua, io sono nella zona NERA dell’ITALIA e ti posso dire che pago la concessione 3 volte di più della zona VERSILIA , È GIUSTO PER TE…risoluzione del caso lo STATO potrebbe mettere al bando tutte le spiagge dune vuote e fare la cosiddetta gara come noi all’epoca abbiamo inoltrato , perché x gestire una struttura balneare ce ne vuole e ce ne vuole….però nelle vene noi non abbiamo il sangue , abbiamo l’acqua di Mare…amore e tanti salvataggi mortali….questa è una STORIA di 60 anni di Mare….saluti e pensiamo alla SALUTE…che è in PRIMO IN GRADUATORIA…..

    • Caro Marco sono sicuro tu sia un dipendente e di certo non un imprenditore che per la sua azienda cerca di dare tutto il possibile a volte si impegna con i finanziatori rischiando non solo la ditta ma anche i beni personali, non puoi capire i sacrifici di alcuni di molti concessionari, non pensare che con la gelosia o la gioia di vedere altri in rovina, ti possa cambiare la vita, il giorno dopo che tutti questi imprenditori saranno rovinati in cerca di un lavoro tu continuerai a fare lo schifo di vita che hai sempre fatto.
      P.s. pensa bene prima di scrivere che le vite delle persone vanno rispettate e magari prova a vedere oltre

      • Carissimo Daniele. Facessi tu la vita che faccio io. Prim di parlare, studia, dubito che tu lo abbia fatto nella tua vita. PS non sono un dipendente. Forse lo diventerai tu, se hai qualche titolo di studio dopo che la tua azienda sarà affossata sotto i colpi della direttiva servizi.

  2. Nikolaus Suck says:

    Ancora appresso a Gravaglia, Gasparri & Co, che non solo non sanno e non hanno fatto nulla, ma vi hanno rovinati. Bravi.

  3. Nicoletta Galigani says:

    Perché la politica ha lasciato passare 3 anni ( dal 2006 al 2009) prima di informare gli italiani e le categorie interessare che era stata varata la direttiva europea Bolkestain . Poi ha fatto passare 16 anni, pur sapendo che , prima k poi diveva essere applicata, senza mettervi mano affinché l’impatto non fosse distruttivo. Perché?

    • Il motivo è semplice perché c’e la lobby dei concessionari demaniali che gli promettevano i voti alle elezioni per mantenersi i privilegi alla categoria nella speranza che non cambiasse niente

      • Ma che lobby che prometteva cosa????? Semplicemente uno vota in base al proprio interesse… Chi dovrei votare chi mi vuole portare via il lavoro? Chi regala milioni hai delinquenti rumeni???? Le lobby…. Tua mamma è una lobby Co….. E!!!!!

    • Nikolaus Suck says:

      Perché c’eravate voi con i sindacati e i politici con interessi personali a fare muro e volevano i vostri voti, ed ecco il risultato. E voi ancora gli state dietro.

  4. Vi siete fidati di Salvini.. Quel cazzaro a caccia di voti di qualunque tipo ha promesso una cosa che non poteva mantenere.. E gli avete creduto. P

  5. Sarebbe ora che il ministro Garavaglia facesse qualcosa di concreto perché al momento solo aria fritta!!!! Per noi non hai fatto nulla…. Mai!!!!! Vado in Europa poi aspetto poi alla fine l’abbiamo presa in c..o….. Fai il tuo lavoro i voti li avete presi o no???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.