Abruzzo Ambiente

Spiagge Abruzzo in grave erosione, stagione a rischio a Silvi Marina

Spiaggia scomparsa in un ampio tratto di costa

Si trova in una gravissima emergenza erosiva un ampio tratto del litorale di Silvi Marina in Abruzzo: a poche settimane dall’avvio della stagione balneare, l’arenile antistante gli stabilimenti Il Lido, Il Puntino, Forza 7, La Darsena e il Circolo Nautico è del tutto scomparso a causa dell’intensa erosione costiera.

A lanciare l’allarme è Cna Balneari, che ha scritto a Regione, Comune e altri soggetti istituzionali per esortarli a risolvere la situazione prima che inizi il periodo turistico. Come spiega Carlo Costantini di Cna, «in attesa che si concludano i lavori e le opere di difesa della costa, chiediamo subito una soluzione-tampone per affrontare l’imminente stagione balneare. Al momento questo tratto di costa è soggetto a una fortissima erosione: si vede l’acqua salire sul lido, e con l’abbassamento del livello della spiaggia l’acqua arriva addirittura a lambire le strutture. Così non si può certo andare avanti».

Conclude Costantini: «È evidente la necessità di trovare con urgenza una soluzione come un intervento di ripascimento, proprio per dare la possibilità di affrontare la stagione ormai alle porte. In caso contrario, come evidenziano i concessionari, c’è il rischio che siano costretti a non poterla avviare proprio l’attività».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:
  1. Questi sono pur sempre degli stabilimenti balneari. Qui nessuno commenta, nessuno si preoccupa che manca la spiaggia, neanche quegli ambientalisti che vorrebbero solo spiagge libere. Mi chiedo, in caso di aste, chi cercherebbe di aggiudicarsi uno stabilimento balneare senza spiaggia? Vediamo un po’, nessuno credo. Allora, vorrei fare una domanda: il diritto di concorrenza, evidenze pubbliche a cosa sono interessati? In questo caso quale è il valore aziendale? E sopratutto, l’opinione pubblica, viene informata che non ci sono soltanto alberghi con camere da 35.000,00€ che pagano canoni irrisori? Mettiamo in prima pagina queste attività.

  2. Antilobby says:

    ……… questo sta anche a dimostrare che le spiagge non sono beni illimitati infatti a causa dell’ erosione possono ridursi o scomparire …….. infatti quando un bene è soggetto a concessione è per sua natura è limitato…… può capitare anche ci siano zone ancora non sviluppate che possono essere date nuove concessioni ma per questo non si può dire che le spiagge siano un bene illimitato….

  3. Dove sono i sapientoni,i leoni da tastiera,chi ha fallito nella vita,chi è sempre a commentare…sukkkkkkkkkk aaaaaaaaa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.