Liguria Notizie locali Sindacati e associazioni

Sanremo, nuova ordinanza per la sicurezza balneare

L'ha firmata il tenente di vascello Danieli.

L’obbligo per i bagnanti di segnalare la loro presenza con appositi dispositivi, nel momento in cui dovessero uscire dalla zona riservata alla balneazione e, poi, possibilità di pesca con canna nei moli perpendicolari alla costa, in orari prestabiliti: sono le principali disposizioni contenute nell’ordinanza di sicurezza balneare 2014 per il circondario di Sanremo (numero 20/2014), firmata dal tenente di vascello Pier Paolo Danieli, e che ricomprende il litorale e gli specchi acquei da Arma di Taggia a Ventimiglia.

Il provvedimento copre il periodo compreso tra il 1° maggio e il 30 settembre 2014. Le novità più importanti di quest’anno, a parte lo snellimento dell’ordinanza che è stata ridotta come numero di pagine per facilitarne la consultazione, riguardano innanzitutto la balneazione. Anche quest’anno viene confermata la norma che obbliga i bagnanti che vogliano uscire dal perimetro a loro assegnato – 200 metri dalla spiaggia e 100 metri da scogliere e rocce a picco sul mare – di segnalare la loro presenza, allo stesso modo dei sub. Dunque, con una boa di giorno e con dispositivi luminosi ad intermittenza, alla sera.

Per quanto riguarda la pesca con la canna, torna la possibilità da quest’anno, ma solo nei moli perpendicolari alle spiagge, di pescare a orari prestabiliti: dalle 8 alle 10 e dalle 13 alle 15. Dopo le 20, invece, la pesca era già consentita. Obiettivo: conciliare l’attività dei pescatori con quella dei bagnanti, evitando i classici contrasti e pericoli a cui va incontro chi fa il bagno. Non di rado, infatti, è capitato in passato che qualcuno venisse agganciato dall’amo di un pescatore.

Ulteriori prescrizioni sono state introdotte in merito alle nuove dotazioni obbligatorie di cui devono essere dotati i pattini destinati all’espletamento del servizio di salvataggio.

L’ordinanza disciplina in modo compiuto tutte le attività connesse con la sicurezza della balneazione, compresi i limiti di distanza dalla costa che dovranno essere rispettati dalle unità a motore durante la stagione balneare, frutto tra l’altro dell’analisi e dello studio delle problematiche della precedente stagione balneare e delle indicazioni fornite dalle varie associazioni di categoria. Nei mesi precedenti, infatti, l’Autorità Marittima ha ricevuto in più occasioni gli esponenti dei vari settori, dalle associazioni degli imprenditori balneari ai centri diving, alle varie amministrazioni comunali dei Comuni rivieraschi. «Riunioni particolarmente significative in cui sono state affrontati e condivisi i vari aspetti connessi con la sicurezza della balneazione, confronti assolutamente costruttivi che hanno portato in alcuni casi ad integrare le norme di sicurezza», ha dichiarato Danieli.

«Tuttavia – aggiunge il tenente – nonostante le previsioni di legge e di regolamentazione anche a livello locale, sarà fondamentale e determinante avere un approccio al mare dettato dal buon senso, e adottare quei giusti accorgimenti e comportamenti dettati dalla diligenza per scongiurare qualsiasi rischio per la salute e per la salvaguardia della vita umana in mare».

L’ordinanza è stata già pubblicata sul sito internet della Guardia Costiera e sarà obbligatoriamente esposta a cura dei concessionari degli stabilimenti balneari e delle spiagge libere. Per scaricare l’ordinanza per la sicurezza balneare 2014 del circondario di Sanremo, clicca qui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mondo Balneare

Dal 2010, il portale degli stabilimenti balneari italiani: notizie quotidiane, servizi gratuiti, eventi di settore e molto altro.
Seguilo sui social:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.